Il momento dell’Olimpia Milano di Matteo Brambilla

Il momento dell’Olimpia Milano di Matteo Brambilla

img_1932-324x317 Il momento dell'Olimpia Milano di Matteo Brambilla Basket Prima Pagina Sport

Milano-Un approfondimento sulla nuova squadra e sulla prima parte di stagione dell’Olimpia da una delle nuove firme della redazione sportiva, Matteo Brambilla.

Il nuovo roster e le aspettative per il futuro.

Pubblicità

Lo scorso Giugno l’Olimpia Milano vinceva il suo 28° scudetto  e veniva nominato il miglior giocatore delle finali scudetto Andrew Goudelock . La nuova stagione inizia purtroppo con la perdita proprio del Mvp uscente e del suo compagno di reparto Jordan Theodore. Per sostituire le due guardie della scorsa stagione vengono acquistati due giocatori di grande calibro come Nemanja Nedovic e Mike James che elevano la squadra meneghina ad un livello superiore. Con la conferma di ben 8 giocatori della scorsa stagione insieme ai nuovi innesti,  Milano allestisce un roster per affrontare al meglio ogni competizione; gli obiettivi principali sono riconfermare il dominio in campionato e migliorare la propria posizione nelle competizioni Europee. Il motivo principale per il quale sono stati presi due grandi giocatori è quello di classificarsi almeno tra le prime 8 squadre di Eurolega, affidandosi alle mani esperte di James e Nedovic.

Amichevoli prestagione e Supercoppa.

La nuova stagione dell’Olimpia Milano è iniziata a Settembre con alcune amichevoli giocate contro Maccabi Tel Aviv, Fenerbache e Bayern Monaco. Due vittorie (Maccabi e Bayern Monaco) hanno dato un segnale convincente in vista del primo grande impegno della stagione, la Supercoppa italiana. La riconferma in Italia parte proprio da qui: il primo trofeo stagionale arriva senza troppi problemi battendo in ordine Brescia e in finale Torino.

Il dominio totale di Mike James  nelle prime partite del campionato italiano.

Con la consapevolezza di essere ancora la favorita , Milano si prepara a lottare contro tutte le squadre del massimo campionato, ma fa capire subito che non ci sarà competizione. Già dalle prime due partite contro Brindisi e Virtus Bologna la nuova coppia di guardie fa la differenza dimostrando una qualità di gioco fuori dal comune.  Alla terza giornata però Nedovic subisce un infortunio e nonostante questa perdita, la striscia vincente continua. Come da pronostico Milano vince e convince andando oltre le aspettative, annientando gli avversari con partite da oltre 100 punti, senza incontrare particolari difficoltà sul suo percorso. Mike James è il protagonista assoluto di questo inizio di campionato. Con una media di 17.2 punti, 4 rimbalzi e 5 assist sta dimostrando di essere uno dei giocatori migliori d’Europa nel suo ruolo. Detta i ritmi delle partite e non perde mai il  controllo. Certamente prende un numero di tiri maggiore rispetto ad altri ma ha la capacità di prendersi delle responsabilità e mettere i tiri decisivi per vincere. Ha portato una mentalità vincente a Milano che in pochi possono permettersi.  James e compagni dopo l’ultima vittoria contro la Grissin Bon Reggio Emilia per 100 a 75 si sono ripetuti contro il Venezia vincendo per 81 a 84 e occupando la prima posizione in solitaria. La strada verso il 29° scudetto è ancora lunga ma l’inizio è molto promettente.

L’Eurolega e le prime reali difficoltà.

La vera prova d’esame per l’Olimpia è l’Eurolega, una competizione dove si affrontano le migliori squadre d’Europa. Nonostante nella prima giornata arriva una importante vittoria esterna, il banco di prova è in casa contro i campioni in carica del Real Madrid. Nel primo quarto la squadra di Coach Pianigiani non fa capire niente al suo avversario chiudendo sul 28 a 13. Il leader dei Blancos, Sergio Llull, gioca soltanto 10 minuti e non segna nemmeno un punto. Dal secondo quarto purtroppo per Milano sale in cattedra Anthony Randolph che conclude la partita con 25 punti, trascinando il Real ad una vittoria di misura per 85 a 91. Milano esce perdente contro i campioni in carica, una sconfitta che però fa comprendere il livello reale della squadra. Mettere così tanto in difficoltà i campioni d’Europa è un segnale positivo su cui riflettere in vista degli impegni futuri. La partita successiva si svolge ad Atene contro l’Olympiacos, in uno dei palazzetti più caldi d’Europa. Nelle scorse stagioni Milano aveva sempre fatto fatica ad affrontare squadre di questo calibro, ma grazie ad una grande partita di squadra con 4 uomini in doppia cifra, l’Olimpia esce vittoriosa da un campo difficile battendo i greci per 75 a 99. Arrivano altre due vittorie che però denotano un calo difensivo che rischia di compromettere il lavoro fin li svolto. Calo che viene confermato nella sconfitta interna contro un’altra grande squadra, il Cska Mosca. La squadra di Mike James lotta fino alla fine ma crolla nel momento decisivo perdendo l’incontro nei minuti finali. Dopo l’ultima vittoria esterna contro il Darussafaka, L’Olimpia Milano ha 5 vittorie e 2 sconfitte in Eurolega. In Europa il percorso intrapreso  ha dato segnali abbastanza positivi. Resta la consapevolezza  che per ambire a grandi traguardi , è tassativo rimanere lucidi e pronti nei momenti decisivi.

Matteo Brambilla

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

Nessun commento

Rispondi