Il primo Apple Store di Milano

Il primo Apple Store di Milano

apple-324x243 Il primo Apple Store di Milano Cronaca Milano Curiosità tempo libero    Ha finalmente aperto i battenti il 26 luglio, l’attesissimo Apple Store di Milano.

Pubblicità

L’enorme Store ha sede in piazza Liberty, dove una fila incredibile di persone si è radunata fin dalla mattina, in attesa dell’apertura ufficiale che è  poi avvenuta alle 17.00.

Il nuovissimo e primissimo Apple Store al centro di Milano ha attirato numerosi clienti e ancor più curiosi, che per tutta la giornata si sono aggirati per la scalinata e la fontana di cristallo.

Tutti gli ingressi della piazza sono stati chiusi e ai varchi sono stati collocati uomini della sicurezza con i metal detector per controllare chiunque entri.

Sul posto sono stati presenti anche i carabinieri e la polizia locale come misura di prevenzione.

Milanesi e turisti di ogni nazionalità sono stati incuriositi e attratti dall’opera dell’archistar Norman Foster, i cui lavori di realizzazione sono durati oltre un anno mentre Apple ne ha impiegati quattro per scegliere la location.

Il Nuovo Apple Store

I nuovi spazi milanesi della Mela sono stati ricavati nel luogo che per anni ha ospitato il Cinema Apollo.

Portano la firma dello studio dell’archistar Norman Foster e sorgono completamente sottoterra, proprio come lo Store sulla Quinta Strada a New York. Infatti sembra proprio un negozio scavato nella pietra; pareti e pavimento sono rivestite con lo stesso materiale (Beola fiammata), ma tagliato in due modi differenti: verticale per le pareti, orizzontale per il pavimento.

Il soffitto dello Store è l’anfiteatro, largo quasi come l’intero spiazzo, che scende dolcemente verso una cascata d’acqua. Le scale d’accesso, invece, sono circondate da una seconda struttura vetrata e di fianco ai gradoni dell’anfiteatro. Proprio la parete vetrata a lato si trasformerà nello schermo del cinema.

Il negozio è il cuore dell’Apple Store: 600 metri quadrati “divisi” attraverso una griglia: cinque corridoi per quattro file, dove i divisori sono i classici tavoli di legno chiaro sui quali sono esposti i prodotti di Cupertino, iPhone, iPad, Macintosh; ma ci sono anche tavoli sui quali si può imparare a utilizzare i gadget.

Oltre al negozio c’è anche un altro spazio “nascosto” di circa 350 metri quadrati dedicato a magazzino, uffici e spazi per i dipendenti.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi