Avviso pubblico per la valorizzazione dell’Ex Ospedale di Garbagnate

Avviso pubblico per la valorizzazione dell’Ex Ospedale di Garbagnate

0

A bando anche il vicino edificio scolastico di Senago. Saranno accolte proposte sia per l’acquisto che per la concessione in affitto purché rispettose dei vincoli architettonici e paesaggistici

Pubblicità

Link al bando

Milano, 13 aprile 2019 – Il Comune di Milano ha aperto un avviso pubblico per la raccolta di manifestazioni d’interesse per la valorizzazione del complesso immobiliare dell’ex ospedale di Garbagnate Milanese e del vicino ex edificio scolastico di Senago. Saranno accolte sia proposte di acquisto sia di concessione in uso per una durata massima di cinquanta anni. Il termine per la presentazione è il 14 giugno 2019.

L’ex ospedale di Garbagnate è un esteso complesso architettonico di 24mila metri quadrati, immerso nel Parco Regionale delle Groane e circondato da strade, viali, giardini e bosco. Adibito fino al 2015 ad ospedale, il complesso è situato tra i territorio di Senago e Garbagnate, in prossimità del nuovo ospedale G. Salvini di Garbagnate.

La struttura fu realizzata dal Comune di Milano e utilizzata dal 1910 come Sanatorio per i malati di tubercolosi. Il complesso ospedaliero è interessato da vincolo storico ed architettonico sulla maggior parte della porzione edificata e da vincolo paesaggistico e foresta per la parte verde.
Nell’avviso pubblico è stato inserito anche l’edificio scolastico adiacente all’ex ospedale che rientra nel territorio del Comune di Senago. L’immobile, edificato nel 1957-1958, nasce fin dall’origine come edificio scolastico ed è stato utilizzato come scuola professionale fino al 2005. Da allora è in disuso.

I concorrenti dovranno indicare le attività che intendono insediare e le ipotesi di trasformazione dei complessi immobiliari nel rispetto del contesto ambientale, storico e architettonico. Dovrà essere anche descritta la sostenibilità economica dell’operazione nel caso si tratti di una proposta di valorizzazione in concessione.

Nessun commento

Rispondi