Gattuso in conferenza: “Domani sarà una guerra, la squadra si sta assumendo...

Gattuso in conferenza: “Domani sarà una guerra, la squadra si sta assumendo le proprie responsabilità.”

img_6818 Gattuso in conferenza: “Domani sarà una guerra, la squadra si sta assumendo le proprie responsabilità.” Calcio Prima Pagina Sport

 Milano-Con la partita contro l’Atalanta alle porte, è tempo di conferenza stampa dalle parti di Milanello. Gennaro Gattuso, tecnico rossonero oggi al quarto posto in classifica, dovrà difendersi dall’attacco dei ragazzi terribili di Gasperini, attualmente in uno stato di forma straripante.

Pubblicità

Esperienza

“Sono particolari, giocano in un modo che è solamente loro. In questo momento stanno bene e dovremo essere pronti a mettere l’elmetto perché sarà una partita difficile: non dobbiamo aver paura però, stiamo bene anche noi e potremo metterli in difficoltà.

Ci vorrà tanta esperienza per aver ragione dei ragazzi di Gasperini, loro sono molto fisici e molto tecnici, saremo pronti.”

Gasperini e l’Atalanta

“E’ un grande allenatore che ha tantissime conoscenze, altrimenti non riesci a proporre questo tipo di calcio. Ripeto, sono molto fisici ma anche tecnici, sono bravissimi di testa e per questo dovremo capire come metterli in difficoltà. Noi arriviamo in buone condizioni, è stato male Abate ma niente di grave.”

Percorso ancora lungo

“Vincere domani sarebbe importantissimo, non lo nego. Però dopo domani mancheranno ancora tante partite e per questo dovremo essere bravi a gestire ogni match. Non esistono partite facili ma solo partite da giocare, e quella di domani è una di queste.”

Giocatori a disposizione

“Calabria e Rodriguez intoccabili? Non è così, io giudico le prestazioni e gli allenamenti, nessuno è esente da un calo di forma. Voglio che tutti siano pronti al bisogno.”

“Romagnoli sta crescendo tanto dimostrando di meritare i gradi di capitano; è coerente quando parla e quando si fa sentire e questo è molto importante.”

“Piatek mi sembra si annoi nel riscaldamento, vuole segnare, sempre e comunque. Zapata? Fortissimo, sta rendendo al massimo ma mi tengo Piatek.”

“Suso è appena tornato da 25 giorni di stop e si è subito messo a disposizione: merita il rinnovo anche se non sono io a decidere se e quando proporglielo. E’ importantissimo per noi.”

“Bakayoko e Biglia possono tranquillamente giocare insieme, andrà cambiato qualcosa, ma tra i due è sicuramente Baka che potrebbe spostarsi e diventare mezz’ala.”

“Paquetà sta diventando fondamentale: i suoi inserimenti ci stanno dando qualità e il feeling con Calhangolu migliora di gara in gara. Mi aspetto di più da Kessié, deve avere più coraggio.”

Questioni di cuore

“La cosa bella del Milan è l’organizzazione e l’aria di storia che si respira a San Siro e a Milanello: i nostri giocatori hanno il dovere di riportare il Milan dove merita e sto avendo la fortuna di avere a disposizione ragazzi che si stanno assumendo le loro responsabilità. Il Milan femminile? Forza ragazze, la gara con la Juventus (domenica alle 12:30) è importantissima. Loro giocano sempre a calcio e Carolina (Morace n.d.r.) è stata bravissima a creare subito un gruppo.”

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi