Leonardo e il mercato del Milan

Leonardo e il mercato del Milan

0
img_9385 Leonardo e il mercato del Milan Calcio Sport

E’ un Leonardo a tutto tondo quello che si ferma a parlare con i giornalisti presenti a Casa Milan nella giornata di oggi. Il tema, come prevedibile in questi giorni di mercato e di sosta da partite ufficiali, è il calcio mercato e le possibili occasioni che il Milan dovrà sfruttare.

Missione sfoltire

Pubblicità

Siamo trenta, siamo troppi. Qualcuno dovrà necessariamente partire. Montolivo? Vedremo, Borini? Non abbiamo ancora ricevuto nulla di ufficiale proprio come per Halilovic.
In troppi a Milanello lo sono di sicuro, anche se i continui infortuni e le lungo degenze hanno di gran lunga accorciato la lista delle alternative per Gattuso. Proprio il tecnico rossonero pare essersi opposto alla possibile cessione di Hakan Calhanoglu: il numero dieci turco ha trovato l’accordo con il Lipsia ma il tecnico di Corigliano punta molto su di lui e non vorrebbe privarsene.

Dal Brasile con amore

Paquetà è pronto, come ogni giocatore se acquistato in salute. Con la Juve ci sarà e dovrà dimostrare tanto, io mi prendo la responsabilità dell’acquisto ma Lucas è un giocatore forte ed è arrivato il momento che lo dimostri anche in Italia. Non mettiamogli pressioni, non bisogna paragonarlo a Kakà, perché l’ex 22 arrivava in un momento diverso per il Milan. Ora siamo tutti all’inizio, vediamo cosa succederà.
Questo, in sintesi, il pensiero del Direttore generale dell’area tecnica rossonera riguardo al nuovo acquisto presentato oggi a Casa Milan. Un’occasione lampo, da prendere al volo rimanendo fedele ai paletti a cui il FFP costringe il Milan a causa di conti legati alle vecchie gestioni.

Opportunità

A margine della conferenza ha poi concluso parlando di Higuaìn: “Deve scrollarsi di dosso questo periodo, non esiste essere un po’ di qua e un po’ di la. Non sta segnando? Bene, che affronti la cosa e la superi, qui abbiamo fiducia in lui ma deve stare qui e fare, continuare a fare.”
Una stilettata diretta all’orgoglio del calciatore argentino, dal quale il Milan si aspetta di più e che dovrà dimostrare nella seconda parte di stagione di meritarsi un posto nel Milan che vuole rinascere.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi