Olimpia: Mike James premiato MVP a Zara

Olimpia: Mike James premiato MVP a Zara

0

img_9882-324x305 Olimpia: Mike James premiato MVP a Zara Basket Sport   Milano– Il torneo in Croazia è terminato con un terzo posto in classifica che non ha intaccato le certezze dell’Olimpia, e ha regalato il titolo di MVP della competizione di Preseason a Mike James, nuovo acquisto dei biancorossi e campione che ha scelto la squadra meneghina per una Eurolega da protagonista.

Oltre ogni discussione

Pubblicità

Ma il livello di rendimento di Mike James in Croazia è stato superiore a ogni forma di discussione.” Questa la frase con la quale l’Olimpia celebra il suo nuovo campione che, con i suoi 74 punti in tre partite (media di 24.7 a gara) ha dominato la scena a Zara mettendo in fila anche tre canestri da cineteca, come quello contro il Bayern in appoggio altissimo al tabellone. I suoi numeri parlano per lui: 11 su 24 da tre, 15 su 16 nei tiri liberi, 17 rimbalzi e 10 assist in tre gare mostrando uno stato di forma invidiabile per essere alle porte della stagione regolare.

Eurolega e supercoppa

Le due partite giocate contro Maccabi e Bayern hanno alzato il livello della preseason dell’Olimpia, sopratutto nella vittoria di domenica sera contro i tedeschi, dove dopo il -13 Mike James è sceso in campo dando il via alla rimonta decisiva per il terzo posto mettendo a segno 32 punti e dominando la gara. Da settimana prossima si farà poi davvero sul serio con il primo impegno ufficiale di Supercoppa, appuntamento che gli uomini di Pianigiani vogliono onorare al meglio per portarsi a casa il trofeo per il terzo anno consecutivo.

 

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

Nessun commento

Rispondi