L’Urania sbanca nel torneo di Desio: è un grande avvio!

L’Urania sbanca nel torneo di Desio: è un grande avvio!

0

r0_tml1961376069377_130272220373_1536644286309383-324x229 L'Urania sbanca nel torneo di Desio: è un grande avvio! Basket Sport

Milano – Era il 20 maggio, nel comune brianzolo, confinati in campo neutro, finiva l’avventura playoff di una entusiasmante e convincente stagione. E il caso ha voluto, che proprio a Desio, in una location decisamente differente, sia arrivato il primo successo della nuova Urania.

L’occasione è stata il Trofeo Lombardia, che per festeggiare la X Edizione, ha coinvolto anche le squadre di serie B.

Certo, è solo un trofeo precampionato, ma a tutti i presenti è arrivato un segnale forte, che la nuova stagione, potrebbe nascere sotto una differente stella.

La meritata vittoria finale, ha evidenziato la qualità e la solidità dei Wildcats 2019.

Avversari del match vinto l’Omnia Pavia, decisamente migliorata nel nuovo roster, che però ha dovuto arrendersi per 80-63, alla formazione di Coach Villa, peraltro decimata dagli infortuni (Santolamazza, Negri, Scroccaro e Toffali).

Nella quarta partita della pre-season, Super Flavor ha giocato un primo tempo alla pari dei suoi avversari, prima di inserire il rullo compressore, che le ha assegnato la vittoria finale.

Equilibrio nei reparti, solidità difensiva, talento offensivo straripante, questi i punti su cui lo staff tecnico e fisico, stanno costruendo l‘identità futura.

Alla palla a due, gli occhi erano puntati su Giulio Mascherpa, autore di 42pti nel derby con Vigevano nella semifinale.

Quintetto iniziale milanese con Simoncelli a fare da chioccia al baby Riva (’99) al suo primo starting five, Scanzi in edizione francobollo sul talento pavese, Jack Eliantonio e Giorgio Piunti a prendersi cura del totem Iannilli.

PRIMO TEMPO: Grande equilibrio fin dalla palla a due, con Piunti (19pti) e Simoncelli a tenere testa al duo Mascherpa-Iannilli. Alla prima sirena solo un punto divide le due formazioni (17-18).

Il Professor Santolamazza dopo pochi minuti di gioco è costretto a fermarsi per un risentimento al polpaccio, dando l’opportunità di molti minuti di parquet a Jacopo Sedazzari. Il piccolo di casa (2000), prodotto del vivaio milanese, confermando il nickname di Iceman, non sente per nulla la pressione, sfoderando una prestazione maiuscola.

L’ingresso di Spatti, le triple di Manuelli e Mascherpa, danno a Pavia l’illusione del primo break, ma la classe di Capitan Paleari e l’energia di Scanzi consentono ad Urania di chiudere il primo tempo a soli due possessi di distanza (40-36).

SECONDO TEMPO: All’uscita dagli spogliatoi, è l’Omnia a prendere il primo vantaggio vicino alla doppia cifra (+9). Milano si affida all’intensità difensiva di Albique, alle percentuali da fuori di Scanzi e Riva e alle accelerazioni in transizione di Simoncelli, che producono la scossa necessaria per ribaltare l’inerzia. E’ di Paleari il pareggio e le successive triple di Scanzi (18pti), mettono l’ipoteca sul primo titolo stagionale.

Tutti a referto incluso anche Rashed (2002), per suggellare un pomeriggio da ricordare.

Urania vince e convince aggiudicandosi il torneo.

SUPER FLAVOR:  Simoncelli 10, Piunti 19, Riva 9, Santolomazza, Albique 4, Paleari 9, Rashed 2, Scanzi 18, Eliantonio 8, Sedazzari 1;

OMNIA PAVIA: Vai, Visigalli, Benedusi 6, Spatti 9, Mascherpa 22, Manuelli 7, Iannilli 9, Crespi 7, Guaccio, Fazioli 3;

Gianluca Drammis
Giornalista pubblicista dal 2015: innamorato dello sport ed in particolare del calcio. Ho lavorato per diverse testate televisive giornalistiche (Telenova, Telereporter e Sportitalia), sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Leggetemi, non ve ne pentirete!

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi