Lanza:” Solidarietà al ministro dell’interno” ed è bagarre al municipio 1

Lanza:” Solidarietà al ministro dell’interno” ed è bagarre al municipio 1

20180704_151512-324x243 Lanza:" Solidarietà al ministro dell'interno" ed è bagarre al municipio 1 Costume e Società Curiosità   Durante la seduta del consiglio del municipio 1, quello del centro di Milano, della sera del 3 luglio, al momento di esprimersi sulla mozione presentata dal consigliere del gruppo della Lega Gianluca Maria Lanza, nella foto, è scoppiata una bagarre verbale. La mozione che ha messo imbarazzo la maggioranza chiedeva l’espressione ufficiale di solidarietà al ministro dell’Interno da parte del Consiglio, dopo l’episodio del Manifesto ad altezza naturale che raffigurava Matteo Salvini con un vestito da Hitler e che era apparso in via Palermo, a firma Beast, qualche giorno prima. Il manifesto era stato rimosso in una manciata di minuti dalle forze dell’ordine ma aveva creato parecchio scompiglio nel centro di milano. “Abbiamo chiesto solidarietà per Matteo Salvini in quanto ministro dell’interno. È stata attaccata la figura istituzionale, non il segretario della lega”  ha detto Lanza.

Pubblicità

Il centro-sinistra che guida il consiglio del Municipio ha però respinto la mozione di solidarietà, dopo diversi momenti di nervosismo, ma quello che fa notizia è stata l’espressione del consigliere Francy Castelbarco, del gruppo del partito Democratico, che ha dichiarato, in sintesi, che non riconosce l’autorità del ministro dell’interno. Abbiamo cercato di contattare la consigliera per avere le sue esatte parole e per conoscere i motivi delle curiose affermazioni fatte ma non ha risposto alla nostra richiesta. Pazienza. Certo sarebbe stato interessante conoscerle, dato che il Partito Democratico si rifà spesso al concetto di ripristino della legalità, e partecipa a diverse carovane su questo tema.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi