Riaprono le visite guidate sul Campanile dei Sospiri

Riaprono le visite guidate sul Campanile dei Sospiri

campanile-sospiri3-324x215 Riaprono le visite guidate sul Campanile dei Sospiri Costume e Società Milano Misteriosa    A partire dal 24 marzo e per pochi week-end, sarà di nuovo possibile vivere un’esperienza straordinaria, salendo in cima al Campanile più antico di Milano: il Campanile dei Sospiri a San Celso.
Le visite saranno aperte dalle 15.00 alle 20.00 e si terranno ogni mezz’ora; sarà in questo modo possibile immergersi nei 1000 anni di storia che racchiude questo luogo incantato, rimasto tuttavia inaccessibile per secoli. Tutte le escursioni saranno accompagnate da guide facente parte del Gruppo MilanoCard, che racconteranno ai visitatori tutto ciò che c’è da sapere riguardo questo magico e misterioso edificio.

Su, su fino alle campane

Pubblicità

Il tour si concluderà raggiungendo la cella campanaria, alta oltre 30 metri e sospesa sui tetti della città, da cui sarà possibile ammirare lo skyline della capitale meneghina e le vicine Alpi e prealpi. La basilica di San Celso e il suo Campanile sono stati eretti nel IV secolo ma ricostruiti nell’XI. L’edificio è molto importante perché al suo interno erano state conservate le reliquie di san Celso. Questo luogo è inoltre molto caro ai milanesi, soprattutto per via della tradizione che vide per secoli le spose portare il loro bouquet proprio sotto il campanile in segno di buon augurio per un felice e prospero matrimonio; la Chiesa è infatti anche chiamata “Chiesa delle Spose”.  Per i sospiri delle spose, dei santi e dei combattenti che vi passarono nei secoli, è stato dato invece il nome di “Campanile dei Sospiri.

Per partecipare a questa fantastica esperienza, è obbligatorio prenotare tramite il sito ufficiale: https://www.ilcampaniledeisospiri.it/

E’ necessario però ricordare che per salire sul Campanile bisogna percorrere 120 scalini in salita, questo percorso è perciò sconsigliato a persone con grandi difficoltà motorie e con problemi cardio-respiratori.
Il biglietto costa 10 euro e comprende ingresso e visita guidata, mentre per i bambini fino ai 10 anni è gratuito.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi