Salvo l’ultimo Mulino di Milano.. Il Molino Dorino

Salvo l’ultimo Mulino di Milano.. Il Molino Dorino

Finalmente salvo l’antico e ultimo mulino integro di macine e ingranaggi ancora esistente nel comune di Milano. Con 22 voti favorevoli e 5 astenuti il Consiglio Comunale di Milano ha salvato così il Mulino di Molino Dorino,  l’antico mulino che ha dato il nome alla celebre fermata della Metropolitana linea 1. A causa ampliamento deposito del Metrò  rischiava di essere demolito. Il Consiglio Comunale nella giornata di ieri, 11 settembre, ha accolto e fatte proprie le istanze dei rappresentanti dei cittadini del Municipio 8, e le osservazioni della Società Molino Dorino che appunto chiedevano di salvaguardare la struttura. Nei mesi scorsi si erano anche mobilitati i comitati dei quartieri Trenno e Gallaratese. Anche Regione Lombardia aveva chiesto la tutela del Mulino con una interrogazione presentata dal Vice Presidente del consiglio Cecchetti. Inoltre, i tre attuali proprietari avevano presentato ricorso al Tar e chiesto alla sovrintendenza dei beni culturali di porre un vincolo, alla luce del fatto che il mulino era presente sulle mappe dell’allora comune di Trenno da centinaia di anni.

la fine del Cagnola

Il Mulino storicamente utilizzava l’acqua del fontanile Cognola fino agli anni 60, quando il Cognola venne prosciugato, ma la sua attività proseguì fino agli anni 80 per alimentare la rete elettrica. In una mappa dell’ 800 veniva denominato Molino Lauzi, dal nome degli allora proprietari. Fu acquistato poi dalla famiglia Dorino ai primi del ‘900, che lo ampliò realizzando intorno degli appartamenti e dando alla struttura una forma a ferro di cavallo. Oggi il Molino Dorino é  inglobato in un’area tra la Motorizzazione Civile e la cosiddetta Tangenzialina, alle spalle della fermata della metropolitana.

Donatella Magnoni
Sposata, ho 2 figli. Appassionata da sempre di politica, letteratura, storia e Sport. Juventina dalla nascita e per sempre. Altra mia passione è Lombardia che amo da Nord a Sud, da Est a Ovest.

Nessun commento

Rispondi