I Promessi Sposi in scena al Teatro Sala Fontana

I Promessi Sposi in scena al Teatro Sala Fontana

0

I Promessi Sposi rivisitati da Michele Sinisi  debuttano al Teatro Sala Fontana e resteranno in scena fino al 25 giugno. Il romanzo di Alessandro Manzoni è un baluardo della letteratura, della lingua e della cultura italiana, è l’opera conosciuta da tutti, odiata e amata con la stessa intensità. Inevitabilmente il solo titolo rimanda agli anni trascorsi tra i banchi di scuola e conduce a rispolverare una storia comune, consolidata nel bagaglio culturale di ognuno. Un romanzo simbolo che, come tutti i classici, è tale perché sopravvive alla contemporaneità e può ancora relazionarsi ad essa. Imposto come lettura in età adolescenziale spesso fa nascere un senso di ostilità, ma anche di affetto, nonché un senso critico serpeggiante più o meno sviluppato per personaggi immortali, che sono entrati nell’immaginario convenzionale e che accomunano le generazioni nel ricordo degli anni giovanili.

Un’analisi attuale

I Promessi Sposi sono insomma riconosciuti all’unanimità e per questo risulta maggiormente interessante la rivisitazione del regista, che porta sul palcoscenico il messaggio manzoniano adattato al pubblico moderno. Il genere storico permette di ampliare la prospettiva ai giorni nostri, applicando al rovescio il processo seguito da Manzoni che, per ovviare alla censura, ha scelto un’ambientazione anteriore di 200 anni, il Seicento anziché l’Ottocento. Lo stesso meccanismo ora, al contrario, permette di trascinare avanti la linea del tempo al secolo attuale portando in scena personaggi che sono diventati stereotipi di tipologie umane. Nel romanzo essi rappresentano le sfumature di figure positive e negative dei ceti sociali, oggi diventano utili a leggere la sfaccettata umanità che, come la storia, presenta delle costanti, immortalate in pagine che non smettono di essere fonte di indagine.

Nessun commento

Rispondi