Il declino del mercato comunale di Via Rombon e la rinascita possibile

Il declino del mercato comunale di Via Rombon e la rinascita possibile

19022446_10209443958280441_1247961655_o-324x182 Il declino del mercato comunale di Via Rombon e la rinascita possibile Cronaca Milano Prima Pagina   Come tanti altri il mercato comunale di Via Rombon è stato per decenni il punto di riferimento per gli abitanti dei quartieri di Lambrate e Feltre. Lo sviluppo dei supermercati insieme ad una sostanziale immobilità dell’offerta commerciale hanno fatto imboccare al mercato coperto di Via Rombon la strada del declino. Attualmente sono presenti e attivi solo due macellerie, una pescheria, un negozio di frutta e verdura  e una rivendita di pane. L’ex negozio di Piante e fiori è addirittura da oltre un anno l’abitazione di fortuna per qualcuno.

Pubblicità

La struttura dopo tanti anni di investimenti mancati è ormai divenuta inadatta al suo scopo. Non solo mancano l’impianto di riscaldamento e quello di raffrescamento anche le cantine sono compromesse così come il tetto che avrebbe bisogno di lavori impegnativi.
Molti sostengono che i mercati comunali nati con lo scopo di offrire beni di prima necessità a prezi contenuti siano sorpassati dalla storia, soprattutto dalla nascita e diffusione dei supermercati. Ciò nonostante esistono a Milano degli esempi virtuosi di mercati coperti che vivono una situazione sicuramente più positiva spesso frutto di cambiamenti. In sostanza si è riusciti a far sopravvivere lo spirito “sociale” puntando sulla qualità dei prodotti aggiungendo il servizio di somministrazione.

Questi sono il mercato di Piazza XXIV Maggio e quello di Santa Maria del Suffragio. Il primo ha subito un profondo restyling rispetto alla vecchia struttura del 1948.  Accoglie 23 negozi all’interno e una decina Insegne storiche come la Polleria Mangili si accompagnano a nuovi nomi, importante è la possibilità di magiare in loco.
A essere restaurato di recente anche quello di Piazza Santa Maria del Suffragio, in zona Porta Vittoria. Al suo interno una sede del Panificio Davide Longoni con prodotti lievitati naturalmente. Presenti anche prodotti ortofrutticoli, gelato, vino e pesce. Anche qui la possibilità di mangiare sul posto.

Le richieste del Municipio 3

Il contratto dei commercianti di Via Rombon con il Comune, già scaduto lo scorso 31 dicembre, è stato prorogato per tutto il 2017 ma il discount, vale a dire il punto vendita più grande, ha chiuso i battenti anticipatamente il 31 maggio.
Ad aprile il Consiglio di Municipio 3 tramite una apposita delibera aveva chiesto all’amministrazione comunale centrale di conferire l’affidamento della struttura ad un unico soggetto e che venissero previsti attività di somministrazione e un utilizzo parziale degli spazi per attività di tipo socio-culturale. A due mesi da quel documento la situazione è peggiorata e non solo a causa della citata chiusura del discount. Il perimetro circostante è diventato un dormitorio per disperati.

abusivi_mercato_comunale_rombon Il declino del mercato comunale di Via Rombon e la rinascita possibile Cronaca Milano Prima Pagina   La riqualificazione auspicata del mercato di Via Rombon non potrà certo prescindere dal contesto in cui è collocato. Occorre che il Comune combatta il degrado socio-ambientale allontanando gli abusivi e contrastando l’attività di prostituzione che impera da anni tutt’attorno attraverso un maggiore impiego della Polizia Locale e all’installazione di telecamere.

Gianluca Boari
Laureato in Scienze Geologiche, appassionato anche di storia politica e modellismo

Nessun commento

Rispondi