Il Comune cerca partner per gestire i servizi di accoglienza per le...

Il Comune cerca partner per gestire i servizi di accoglienza per le persone fragili

0

Costruire una rete integrata di servizi e prestazioni sul territorio per favorire l’inclusione sociale, mettendo in atto interventi di accoglienza residenziale per le famiglie con componenti in condizioni di particolare fragilità. È questo l’obiettivo dell’Amministrazione comunale che ha approvato una delibera per reperire soggetti del Terzo settore con i quali avviare un percorso di gestione condivisa dei servizi di accoglienza rivolti alle persone che presentano particolare vulnerabilità e difficoltà abitativa.

Pubblicità

Dopo una sperimentazione partita a ottobre 2017 e che si concluderà ad aprile 2019, il Comune ha deciso di proseguire la collaborazione con il privato sociale. In particolare, chi risponderà alla manifestazione di interesse si candiderà a gestire, sotto la regia comunale, alcune strutture di accoglienza comunali ed eventuali altre strutture di housing sociale messe a disposizione da altri enti, attivando, attraverso una equipe composta da educatori, assistenti sociali e altri operatori sociali, interventi educativi e di sostegno socio assistenziale.

La procedura di coprogettazione, per la quale sono stati stanziati 3,6 milioni di euro per il periodo dall’1 maggio 2019 al 31 dicembre 2021, verrà avviata nelle prossime settimane: a ogni progetto candidato verrà attribuito un punteggio massimo di 100/100, con un massimo di 80 punti per la proposta tecnica e di 20 punti per l’offerta economica. Ogni partecipante dovrà garantire un cofinanziamento pari al 10% della cifra messa a disposizione dal Comune.

“Prosegue l’impegno dell’Amministrazione – dichiara l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino – per garantire la legalità e lavorare per la piena inclusione, grazie alla preziosa ed efficace collaborazione col Terzo settore che in questi anni ci ha permesso di portare avanti progetti ambiziosi a favore di tutti i cittadini milanesi”.

Nessun commento

Rispondi