Cultura e aggregazione, ‘fiorisce’ NOW il nuovo ‘giardino’ del Municipio 4

Cultura e aggregazione, ‘fiorisce’ NOW il nuovo ‘giardino’ del Municipio 4

Bassi: progetto innovativo che farà nascere una nuova piazza per la nostra città

Pubblicità

Mostre, concerti, eventi culturali e aggregativi, cinema, moda, teatro, design, intrattenimento, servizi, innovazione, sostenibilità ambientale, food. Sono gli ‘ingredienti’ speciali del ‘Giardino delle culture NOW’ il nuovo progetto del Municipio 4 di Milano che nasce dalle ceneri dell’esperimento avviato dal vecchio Consiglio di zona 4 sullo spazio di via Morosini 8. “Al nome – spiega il Presidente del Municipio 4 Paolo Guido Bassi, abbiamo aggiunto solo un breve suffisso, ma nella sostanza cambia tutto. Dopo l’abbandono dell’ats che a fine 2018 aveva disdetto senza preavviso la convenzione, causando il declino di questo luogo, ci siamo impegnati per un rilancio, che a distanza di pochi mesi si concretizza in un progetto davvero innovativo. Lo presenteremo ai milanesi il prossimo 9 aprile alle 18 in occasione della Milano design week”.

NUOVI SOCI – In questo percorso virtuoso, spiega Bassi, “accanto a realtà ‘storiche’ del giardino, come il comitato XXII Marzo, abbiamo coinvolto nuovi importanti partner, dall’associazione ARTaMica al Rotary Club Milano Nord, passando per l’Associazione Nazionale Carabinieri e Easi group srl. . La nuova gestione dell’ associazione Giardino delle Culture NOW permetterà di ospitare servizi di share economy, svolgere una funzione di ‘conciergerie di strada’ attraverso la raccolta delle esigenze degli abitanti del quartiere, a cui si cercherà di dare una soluzione, ma sarà anche un collettore di segnalazioni di criticità da condividere con i servizi sociali. E non mancheranno mostre, concerti, eventi culturali e formativi, cinema, moda, teatro tutto sotto la direzione artistica del designer Mario Prandina, che coordinerà anche l’arredo e l’allestimento artistico dello spazio. Diamo vita – sottolinea l’esponente della Lega – a una nuova ‘piazza’ di Milano, destinata a diventare un punto di riferimento per i residenti del Municipio 4 e non solo”.

“ARTaMICA – illustra Alessandro Pellarin, presidente dell’associazione –  nasce come fabbricatoio di idee in grado di generare materia e business a finalità sociale, principalmente ad uso e consumo dei bambini e dei giovani in difficoltà, o a rischio di emarginazione sociale. Ho riflettuto quindi sull’opportunità che il Giardino delle Culture fosse il luogo ideale di promozione di tale concetto. Un’officina creativa, artistica e culturale a cielo aperto, uno spazio che con la preziosa collaborazione del Municipio 4 Comune di Milano, padrone di casa, diventasse punto d’incontro, osservazione, partecipazione, e contaminazione culturale e sociale per diversi target d’età.

DESIGN WEEK – Grazie alla collaborazione col Teatro Franco Parenti il Giardino delle Culture rientra nel palinsesto di eventi promossi dal Parenti District Art & Design, che per la prima volta è protagonista con un suo Distretto nella Milano Design Week con eventi inediti e straordinari, per accendere una sinergia del tutto nuova tra le arti performative e il mondo dell’arte e del design.

LA STANZA DEI SENSI – Fra le novità che si potranno trovare all’inaugurazione, c’è la ‘Stanza dei sensi’. Progettata e costruita da Antonino Scarano geniale produttore di serramenti e titolare delle storiche Officine Scarano, è una camera itinerante che proporre un ambiente ovattato, capace di far vivere un’esperienza sensoriale rilassante e terapeutica. Un progetto innovativo, di ricerca, che mira a far riscoprire gli spazi primordiali. Un pool di aziende mosse da forti principi etici e sostenibili ha lavorato per proporre uno spazio di ricerca del proprio io e della propria intimità. All’interno un’inedita esperienza sensoriale; rilassarsi su un dondolo, accessoriato dall’HBE (Human Body Equalizer), sistema vibroacustico per provare l’associazione percettiva fra musica e fisicità delle vibrazioni acustiche su progetto di Emanuele Chianesi e Paola Carassai, specializzata in medicina biologica, titolare di IMBIO.

PLINIO IL GIOVANE – Altre novità, sono rappresentate dal progetto di allestimento e ricerca partecipata per il Giardino immaginato dal designer Mario Prandina, fondatore dello storico marchio Plinio il Giovane per la promozione di arte, bellezza e innovazione Collezione outdoor con Day Bed, Eclettica, tavoli e sedie. Scaglie d’artista di Abele Vadacca Scaglie di marmo appartenenti a un blocco primordiale di un’opera del Maestro Scultore reinterpretati da studenti divengono nuovi progetti. La seggiola Bea trasformata in opera d’arte. Waxewul. Impara a vivere a colori, partendo da ciò che indossi! La tradizione, i colori e il bagaglio culturale dei tessuti africani Wax, nell’ambiente fashion milanese. Produzione fatta dalle donne per le donne.

FOOD E SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE –  Anche per la sezione food, conclude Bassi “il Giardino delle culture NOW del Municipio 4 ha scelto soluzioni all’insegna della sostenibilità, preferendo fornitori plastic free, in coerenza con l’impegno assunto aderendo al protocollo del Comune di Milano e Legambiente per la tutela e salvaguardia del Pianeta”. Inoltre, saremo aperti al mondo.  Il Giardino, inteso come spazio multiculturale, avrà un servizio di traduzione per gli ospiti stranieri, offerto dalla MulthiMethodLanguages S.r.l., nota realtà d’interpretariato e traduzioni di Milano.

Nessun commento

Rispondi