Consiglio comunale. La tesi sul “Caso Banca Etica” vince il premio di...

Consiglio comunale. La tesi sul “Caso Banca Etica” vince il premio di laurea in memoria di Giovanni Marra

Bertolé e Majorino: “Con questo riconoscimento ricordiamo una figura che con il suo impegno e il suo lavoro ha dato molto alla città”

Pubblicità

“La CRS e il Sistema bancario. Il caso Banca Etica” è il titolo della tesi vincitrice del Premio di Laurea in memoria di Giovanni Marra, presidente del Consiglio comunale di Milano scomparso nel 2004.

premiazione Consiglio comunale. La tesi sul "Caso Banca Etica" vince il premio di laurea in memoria di Giovanni Marra Costume e Società Cultura

A consegnare il riconoscimento alla dottoressa Alessandra Certomà, laureata in Scienze Politiche, sociologia e comunicazione all’Università La Sapienza di Roma, sono stati questa mattina, durante la cerimonia di premiazione in Sala dell’Orologio a Palazzo Marino, il presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino.

Con loro, Angelo Marra, fratello di Giovanni, e due membri della Commissione giudicatrice: Giancarlo Rovati, direttore del dipartimento di Sociologia generale e professore ordinario di Sociologia generale e Sociologia dello sviluppo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Cesare Giannoni, dottore commercialista iscritto all’Ordine di Monza e Brianza.

“Ogni anno, dal 2005, ci troviamo per ricordare e rilanciare il messaggio positivo lasciato a tutti quelli che si occupano di Milano da Giovanni Marra, con il suo impegno e il suo lavoro per le istituzioni”, hanno detto il presidente Bertolé e l’assessore Majorino. “Un modo di fare politica sempre attento al confronto e al rispetto delle idee e delle posizioni altrui, un esempio da seguire in un momento storico come quello che viviamo, fatto di toni e scontri politici molto duri”.

Il Comune di Milano ogni anno dal 2005 ricorda Giovanni Marra assegnando, attraverso questo premio, cinquemila euro a giovani ricercatori o laureati delle università italiane che abbiano elaborato o discusso tesi di laurea magistrale o di dottorato sulla responsabilità sociale nel settore pubblico, nel settore privato e nelle organizzazioni di privato sociale. Prossimamente verrà pubblicato il bando per l’edizione 2019.

Nessun commento

Rispondi o lascia una replica