Buon anno dal boschetto di Rogoredo

Buon anno dal boschetto di Rogoredo

polizia Buon anno dal boschetto di Rogoredo Cronaca Milano Prima Pagina

L’anno al boschetto di Rogoredo è iniziato con 4 arresti effettuati dalla poliza di stato. Quattro spacciatori presi e un congruo sequestro di stupefacenti, fra cocaina e eroina. In 3 casi i poliziotti hanno posto sotto osservazione i dintorni del perimetro del Boschetto. Il 3 gennaio hanno sorpreso e arrestato un cittadino rumeno che aveva posizionato un banchetto volante su cui c’erano un bilancino e alcune bustine di droga. Indosso aveva 500 euro e sacchetti di cocaina e di eroina.

Pubblicità

Il 5 gennaio è toccato ad un 45enne bulgaro sorpreso a spacciare. In tasca aveva 10grammi di eroina e 10 di cocaina. Nei pressi la polizia ha fermato anche un 25enne italiano che aveva in tasca 150 grammi di eroina. Poi le operazioni si sono spostate all’interno del boschetto di Rogoredo dove i poliziotti hanno visto un pusher all’opera. Anche l’uomo, un marocchino del ’93, ha visto i poliziotti. Ha tentato la fuga gettando un sacchetto di droga. Lo hanno inseguito e raggiunto. È iniziata una collutazione ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo. Oltre alla droga gli sono stati trovari addosso 500 euro.

Nel suo appartamento, a Corsico, c’erano altri 1300 euro, proventi del traffico di stupefacenti. Oltre che di spaccio e di detenzione di stupefacenti è accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale. Ora, come gli altri arrestati di inizio anno, si trova nel carcere di San Vittore a disposizione delle autorità giudiziarie.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi