Un bicchiere mezzo pieno

Un bicchiere mezzo pieno

img_2041-324x224 Un bicchiere mezzo pieno Calcio Prima Pagina Sport   Milano-Tutte queste critiche dopo un pareggio all’Olimpico proprio non hanno ragione d’essere. Addirittura un uomo politico si è scomodato per un goal che Correa ha pescato dal cilindro a una manciata di secondi dalla fine. Gattuso sta lavorando bene e il Milan, nonostante gli infortuni, è adatto a competere fino alla fine per la Champions League.

Pubblicità

Lazio – Milan: 1-1 
(Kessiè 78′ / Correa 90’+4)

Una firma

Quanti avrebbero firmato per un pareggio alla vigilia di Lazio – Milan? Tutti, vista la situazione infortuni rossoneri e vista la forza latente della Lazio che da un momento all’altro si può scatenare visti i tanti giocatori attualmente sotto rendimento. Quindi perché il pareggio di ieri viene così tanto denigrato? La risposta è da ricercarsi nell’amaro in bocca lasciato all’ultimo secondo, quel sapore forte di beffa che Correa ha servito con un bellissimo quanto fortunato destro al volo. Ci aveva pensato Kessié a indirizzare la gara sui binari rossoneri: attenzione spasmodica e voglia di dimostrare che nonostante infortuni e problemi la squadra non rinuncia all’obbiettivo prefissato ad inizio stagione.

Sostituzioni

La polemica è poi impazzata quando sono stati criticati i mancati cambi di Gattuso da parte di una figura che forse avrebbe fatto meglio ad evitare un commento simile: Gattuso non ha cambiato nessuno perché l’equilibrio della squadra ne sarebbe risultato alterato e, viste le numerose assenze, a pochi minuti dalla fine si rischiava un Abate bis nel derby prendendo goal pochi attimi dopo.  Forse sarebbe potuto entrare Castillejo, ma sulla panchina rossonera Gattuso siede con 22 punti in 13 giornate, quinto a sei lunghezze dai cugini e con una situazione di partenza non proprio delle migliori.

Acqua o vino?

Dunque il bicchiere, al netto del risultato e del rientro di Andrea Conti sempre più vicino (ieri era pronto ad entrare nel finale di gara), risulta mezzo pieno per varie ragioni: se Correa non avesse tirato fuori dal cilindro quel goal Gattuso avrebbe vinto una partita con la metà degli uomini a disposizione per una trasferta complicata come quella dell’Olimpico, la squadra segue l’allenatore e, sopratutto, ogni calciatore sa cosa deve fare non spaventandosi davanti a un compito tattico di impegno e sacrificio. Ieri era 3-4-2-1, col Parma potrebbe essere nuovamente riproposto per poi tornare al 4-4-2 o addirittura al 4-3-3 in attesa che il mercato restituisca una rosa all’altezza della dura lotta per la prossima Champions League.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

Nessun commento

Rispondi