Rientra illegalmente in Italia. Lo condannano a restarci

Rientra illegalmente in Italia. Lo condannano a restarci

carabinieri-324x216 Rientra illegalmente in Italia. Lo condannano a restarci Cronaca Milano Prima Pagina   Abbiategrasso – Alle volte la giustizia, per quanto giusta, crea dei corto circuiti logici, difficili da comprendere. Ne è l’esempio la storia di un pregiudicato albanese, nulla facente, espulso a maggio 2018 e rientrato e illegalmente in Italia, che è stato condannato a restare e a provare la sua presenza nel paese presentandosi giornalmente negli uffici della polizia giudiziaria. E’ successo ad Abbiategrasso.

Il fatto

Pubblicità

Nella nottata dello scorso 30 ottobre i carabinieri della compagnia di Abbiategrasso hanno rintracciato e quindi arrestato in un appartamento delle case popolari di via Diaz, C. V., 41enne albanese. L’uomo è un pregiudicato, senza lavoro e irregolare sul territorio, espulso dall’Italia lo scorso 14 maggio. Era poi rientrato clandestinamente nel nostro paese, senza il previsto permesso del ministero dell’interno. Dopo l’arresto da parte dei carabinieri,  lo hanno portato al tribunale di Pavia.

Qui il giudice ha disposto che la pena, per l’espulso rientrato illegalmente, sarà quella di presentarsi all’ufficio di polizia giudiziaria. Ore e giorni stabiliti devono essere compatibili con le sue attività. In pratica lo hanno condannato a restare in Italia.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi