Tenta violenza sessuale sul treno. I carabinieri lo prendono sui 200 metri

Tenta violenza sessuale sul treno. I carabinieri lo prendono sui 200 metri

trenords6-300x195 Tenta violenza sessuale sul treno. I carabinieri lo prendono sui 200 metri Costume e Società Cronaca Milano Prima Pagina   Un egiziano è stato catturato da un carabiniere della radiomobile della stazione di Corsico dopo un inseguimento di corsa da 200metri. L’egiziano circa 5 minuti prima aveva tentato di violentare una giovane ventenne, a bordo del treno della suburbana S11 proveniente da Albairate e diretto a Milano.

La notte del 31 ottobre

Pubblicità

Tutto è iniziato nel pomeriggio de 31 ottobre quando la giovane donna è salita sul treno alla stazione di Albairate. Il vagone c’era solo  l’egiziano. Lei siede lontano ma non appena il treno parte, lui si avvicina e si siede nel sedile dalla parte opposta del corridoio. L’uomo fa partire un video porno sul suo smartphone e inizia a masturbarsi. La ragazza sente i gemiti del video, si alza e se ne va . Cerca aiuto, ma purtroppo il treno è quasi completamente vuoto. Mentre passa nel secondo vagone sa di essere inseguita. Sente i lamenti che arrivano dallo smartphone del maniaco. La raggiunge e riesce a bloccarla contro la parete della carrozza. Lei si divincola e scappa. Lui si era già slacciato i pantaloni.

La raggiunge una seconda volta e ancora lei riesce a sfuggirgli raggiungendo finalmente un vagone dove c’era un altro passeggero. Chiede aiuto, chiama il 112. Nel dare le indicazioni sbaglia la fermata. Crede di essere ancora a Gaggiano invece il treno era già  quasi arrivato alla stazione di Trezzano sul Naviglio.

Rintracciato il treno

Gli operatori del 112 però riescono a rintracciarla, e contattano il capotreno, che inizia immediatamente il controllo del convoglio. Prima ancora che il treno si fermi alla stazione di Trezzano, sul posto sono inviate le pattuglie dei Carabinieri di Trezzano e 2 auto della radiomobile di Corsico. Insieme al capotreno la ragazza scende dal convoglio mentre inizia la perquisizione, da cima a fondo .

Il maniaco tenta la fuga

È quel punto che l’egiziano tenta di scendere dal treno senza farsi notare, ma capotreno lo indica la ragazza. “E’lui?” La ragazza lo riconosce. L’egiziano scappa, ma sul posto c’è un carabiniere particolarmente scattante che si butta all’inseguimento. Lo raggiunge dopo una corsa di 200 metri e lo blocca.

200 metri di corsa

Una operazione sul filo del rasoio. Dal momento in cui è scattato l’allarme a quello in cui il maniaco è stato arrestato non sono passati più di 5 minuti. Il maniaco sarà processato per violenza sessuale. Rischia fino a 8 anni di carcere.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi