Belgio e Giappone per un posto ai quarti: per Hazard e compagni...

Belgio e Giappone per un posto ai quarti: per Hazard e compagni uno scoglio da non sottovalutare

0

mondiali-russia-logo-324x166 Belgio e Giappone per un posto ai quarti: per Hazard e compagni uno scoglio da non sottovalutare Calcio Sport

Nella serata odierna si affrontano Belgio e Giappone per cercare di strappare il pass per entrare nelle prime otto nazionali del mondo.

Supremazia belga

Pubblicità

La nazionale belga arriva all’appuntamento decisamente favorita, anche se mai come in questo mondiale, sembrano non esistere partite dall’esito scontato.

Pekerman ha la possibilità di poter schierare l’undici titolare che, dopo l’ampio turnover operato nella sfida contro l’Inghilterra, arriverà nella migliore condizione fisica possibile.

Davanti a Courtois la classica difesa a tre con Alderweiled Boyata e Vertonghen. A centrocampo da destra a sinistra saranno presumibilmente schierati Meunier, Witsel, De Bruyne e Carrasco mentre davanti alle spalle di Lukaku agiranno Hazard e Mertens.

Speranza giapponese

Anche nel Giappone non dovrebbero esserci dubbi sulla formazione che scenderà in campo questa sera con le speranze dei tifosi nipponici tutte sulle spalle dei giocatori maggiormente rappresentativi quali Osaka hesebe e soprattutto kagawa.

La nazionale belga arriva favorita all’appuntamento di questa sera ma le eliminazioni illustri di Spagna e Germania oltre all’enorme fatica fatta dalla stessa Croazia a superare ai calci di rigore la pur modesta Danimarca, hanno messo in luce come questo appare essere un mondiale all’insegna dell’equilibrio in cui è molto difficile trovare spazi con squadre che si difendono molto bene.

Oltretutto il Giappone ha dimostrato di essere squadra di grande temperamento oltre che capace di imbastire delle manovre apprezzabili sfruttando la rilevante agilità dei suoi interpretati.

Pertanto, nonostante possa apparire una sfida dall’esito indirizzato, sarà una partita da vivere tutta con la massima attenzione perché nel mondiale le sorprese non mancano mai.

 

Nessun commento

Rispondi