Stazione Centrale. La Polfer cattura un ladro e un evaso, ma sono...

Stazione Centrale. La Polfer cattura un ladro e un evaso, ma sono liberati dopo il processo

stazionecentrale1-324x182 Stazione Centrale. La Polfer cattura un ladro e un evaso, ma sono liberati dopo il processo Cronaca Milano Prima Pagina   Un 21enne pakistano è stato arrestato, colto sul fatto mentre stava tentanto di compiere una rapina ai danni di un uomo. nella galleria delle carrozze, in stazione centrale. La vittima aveva avuto la poco felice idea di chiedere indicazioni per raggiungere i la metropolitana dopo aver acquistato il biglietto. Il pakistano si è offerto di accompagnarlo. Poi mentre stavano percorrendo la galleria, il pakistano ha aggredito la sua vittima tentando di strappargli il portafoglio che aveva ancora nelle mani. L’uomo ha fatto resistenza e durante la breve colluttazione sono entrambi finiti a terra. In quel momento è intervenuta una guardia giurata che ha bloccato il pakistano, e quindi è sopraggiunta anche una pattuglia della polizia ferroviaria, attirata dalle grida, che ha arrestato il pakistano.

Pubblicità

Dopo l’identificazione il pakistano è stato processato per direttissima. Ha scelto il patteggiamento. La sua condanna è a 8 mesi. Il giudice lo ha quindi liberato.  Probabilmente in attesa dei tempi tecnici per la pubblicazione della sentenza e per definire in che modo dovrà scontare la pena.

Evaso dai domiciliari ad una settimana dall’ultimo arresto. Ritorna ai domiciliari

SI suppone faccia la stessa fine del secondo straniero arrestato ieri dalla polizia di stato in stazione Centrale: un cubano di 26 anno, che la Squadra di Pg delle Polfer conosceva già perchè lo avevano arrestato di recente. Si sapeva quindi che, da una settimana circa, avrebbe dovuto essere agli arresti domiciliari. L’uomo invece si aggirava nella zona dell’ufficio cambi della Stazione Centrale. Ad un certo punto altre persone lo hanno avvicinato. Insieme a loro è salito su un’auto. La squadra della Polfer ha quindi deciso di fermarli per effettuare un controllo.

Tutti gli occupanti dell’automobile erano senza documenti. Gli stranieri che intendono delinquere, regolari o meno, evitano di avere addosso i documenti di identificazione. La polfer ha portato il gruppo in ufficio, per il controllo delle impronte digitali e delle foto segnaletiche. Una volta identificati sono risultati essere tutti personaggi con numerosi precedenti penali e di polizia. Il cubano è stato arrestato per evasione. Però, dopo la convalida e il processo per direttissima, è tornato agli arresti domiciliari.  Restare perplessi di queste scelte da parte del sistema giudiziario è normale, ma chissà, forse li liberano perchè le carceri sono già strapiene.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi