Milan: la rassegna stampa su Lucas Paquetà

Milan: la rassegna stampa su Lucas Paquetà

0

img_0283-324x326 Milan: la rassegna stampa su Lucas Paquetà Calcio Sport   Milano-Un po’ Kakà, un po’ Pastore, un po’ Ronaldinho. Così la Gazzetta dello Sport in edicola stamane cataloga il nuovo colpo verdeoro del Milan, un trequartista elegante e driblomane che ha già incantato tutti in Brasile meritandosi l’investitura del capitano della Seleçao Neymar.

Trattativa complessa

Pubblicità

Proprio il capitano dei verdeoro aveva richiesto il suo arrivo a Parigi ma Leonardo è stato più veloce: 35 milioni più bonus il prezzo con il quale si è aggiudicato la corsa ad uno dei talenti più cristallini del panorama Brasiliano bruciando la concorrenza di PSG, Barcellona e Liverpool rimaste con un pugno di mosche. Decisiva, secondo la Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera, la volontà del giocatore e quella del suo agente Eduardo Uram (al quale andrà il 30 per cento del costo totale dell’operazione) che in un incontro a Milano con Leonardo ha ottenuto un ingaggio da 1,5 milioni a stagione per il suo assistito e la promessa di un ruolo centrale nello scacchiere tattico di Gattuso.

Si ritorna a ballare la samba

Al rientro di Leonardo a Casa Milan la domanda sui prossimi talenti brasiliani è sorta spontanea; Leo ai tempi che furono rispose così: “Non abbiamo tempo ora. Per trovare i nuovi Pato, Kakà e Thiago Silva dobbiamo studiare molto e seguire un giocatore per almeno un anno.” Bene, Leonardo ci stava già lavorando, lo conosceva da tempo, e pochi mesi dopo ecco che Paquetà è un nuovo giocatore rossonero. I 35 milioni sborsati per lui lo rendono il più costoso giocatore giunto in Serie A dal Brasile, anche più di Pato, pagato 24 milioni a soli 17 anni.

Scacchiere tattico

Ora la palla va a Gattuso, che con un trequartista di questo tasso qualitativo dovrà fare i conti a livello tattico: gli equilibri della rosa sono ben definiti in questo momento, Paquetà potrebbe occupare il ruolo di mezzo interno di sinistra nel centro campo a tre oppure il riferimento centrale dietro la punta in un ipotetico 4-2-3-1 di stampo europeo. In merito a questo, la notizia secondo cui il Milan è sempre più vicino ad Aaron Ramsey, centrocampista dell’Arsenal prossimo alla scadenza contrattuale, rinforza la tesi del nuovo modulo, con Ramsey che si troverebbe a suo agio nella posizione di mediano al fianco di Kessiè (provato più volte in allenamento in quel ruolo) a supporto di una batteria di trequartisti di livello internazionale.

Nuovo corso

Elliott ha dunque deciso di dare un forte segnale al calcio italiano ed europeo: il Milan sta tornando e anche gli ultimi colpi di mercato lo annoverano tra i club più attivi e più oculati nella scelta dei talenti. Dopo Higuain e Caldara, Paquetà rappresenta la volontà di questa società di tornare ai massimi livelli sopratutto dopo aver estinto i bond di prestito provenienti dalle banche Viennesi avendo così forza economica da spendere sul mercato e per l’espansione del brand.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

Nessun commento

Rispondi