Milano Moda Donna: vigilanza, controllo e prevenzione

Milano Moda Donna: vigilanza, controllo e prevenzione

milano-moda-donna-324x216 Milano Moda Donna: vigilanza, controllo e prevenzione Costume e Società Milano Moda   In occasione della rassegna “Milano Moda Donna” 2018, il Questore di Milano Marcello Cardona ha predisposto vari e numerosi servizi di vigilanza e controllo mirati al regolare svolgimento delle circa 140 sfilate in calendario. La rassegna, dedicata alle collezioni femminili primavera/estate 2019, ha preso il via martedì 18 settembre e si concluderà lunedì 24 settembre.

Pubblicità

Le misure prese dal Questore sono inoltre volte a tutelare tutte le iniziative culturali e gli eventi privati che sono più di 40. A tutti gli eventi è già stata registrata una notevole presenza di operatori del settore e di pubblico nelle varie location cittadine, tra cui anche il Green Carpet Fashion Awards Italia 2018 che si terrà domenica 23 settembre in Piazza della Scala.

In relazione alla partecipazione dei numerosi turisti e visitatori, che comprendono anche grandi personalità del mondo della cultura, della moda e dello spettacolo, tutti i servizi di vigilanza, controllo e prevenzione svolti dalla Polizia di Stato sono coordinati da una cabina di regia allestita presso la sala Raiola della Questura di Milano per la Gestione Grandi Eventi. La cabina è diretta dal Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.

La sicurezza a Milano Moda donna 2018

In occasione delle numerose sfilate in programma, le attività di prevenzione e controllo del territorio ed i servizi di vigilanza e di ordine e sicurezza pubblica sono diretti dal Dirigente del Commissariato di PS Centro e dai Dirigenti dei Commissariati di Polizia competenti per territorio in ogni zona della città.

Saranno impiegati circa 200 uomini e donne e tali attività saranno svolte dal personale degli stessi Commissariati, dagli agenti delle Volanti, della Sezione motociclisti e della Sezione Polbike dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, da personale della DIGOS, della Squadra Mobile e della Polizia Scientifica, dalle unità U.O.P.I e A.P.I., con l’ausilio di personale dell’Arma dei Carabinieri d’intesa con i Comandanti delle Compagnie e, per i profili di competenza, della Polizia Locale. Tali attività prevedono, assieme ai controlli veri e propri, anche ispezioni preventive delle aree interessate.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi