Matchday: il Milan va a Cagliari questa sera alle 20:30

Matchday: il Milan va a Cagliari questa sera alle 20:30

0

img_8405-324x304 Matchday: il Milan va a Cagliari questa sera alle 20:30 Calcio Sport   Milano-E’ un Gattuso energico quello che si è presentato ieri ai microfoni in sala stampa, sa che la gara contro il Cagliari mette in palio non solo i tre punti ma anche la continuità di risultati necessari ad aumentare la consapevolezza della forza del gruppo. Il Milan dopo l’avvento di Elliott si è non solo rinforzata nell’organico, ma anche nelle aspettative e nella programmazione: Scaroni ha comunicato che l’impegno di Elliott potrebbe dilatarsi dai tre ai cinque anni nell’ottica di riportare il Milan nel G8 di squadre Europee destinate a contendersi la Champions League. Una crescita, che questa sera passa da Cagliari.

Testa al Cagliari

Pubblicità

“Non mi piacciono i complimenti perché per dieci giorni abbiamo avuto solamente parole buone per la prestazione contro la Roma che adesso è superata. Dobbiamo fare attenzione al Cagliari invece che ha in Pavoletti uno dei migliori attaccanti del campionato sulle palle alte e in Barella uno dei prospetti migliori in circolazione; di lui si era parlato con la vecchia proprietà, mi piace come interpreta il ruolo e può crescere molto. Vice Biglia? Non ci pensiamo, abbiamo Bertolacci e Josè Mauri in quel ruolo e anche Bakayoko, con un po’ di lavoro, potrebbe farcela. Domani (oggi n.d.r.) sarà una battaglia da vincere e poi andremo in Lussemburgo.”

Melius abundare quam deficere

Siamo tanti e tutti si allenano professionalmente e al massimo, per questo faccio tanta fatica nel momento delle scelte. In queste due settimane tanti giocatori sono andati via e per questo non abbiamo potuto provare niente di nuovo, non mando i calciatori allo sbaraglio. Caldara? Gli state facendo male. Mancini l’ha giudicato idoneo e per questo lo ha schierato, non giudico le sue scelte. Per conto mio nel Milan ci vuole un livello di attenzione e di conoscenza del modo in cui vogliamo giocare altissimo, per questo ancora Caldara non sta giocando. E’ un prospetto importante però, un campione potenziale, e sia io che la società ci crediamo molto.”

Astinenza e mancanza

Ad Higuain manca il goal? Lo so, lo vedo. Anche in amichevole la scorsa settimana era furioso ma è una rabbia che mi piace, ti da la misura del campione che è. Mi dispiace tanto per Patrick e spero che potrà essere dei nostri già giovedì, ora non siamo in emergenza ma quest’estate sapevamo che qualcosa avremmo dovuto fare anche se il FFP ci ha limitato molto. Abbiamo fatto una scelta per la quale abbiamo fiducia nei ragazzi che ci sono e sono sicuro che faremo bene.” A questo proposito Higuain in allenamento ha ultimamente affilato le armi: si fa sempre più pungente l’intesa con Suso e Calhangolu, i due archi che innescheranno presto la freccia Pipita, che una volta scoccata sarà difficile da fermare.

Probabile formazione

Gattuso senza mezzi termini si affida ai fedelissimi e quindi all’undici che ha sconfitto la Roma due settimane fa: Donnarumma (“Deve fare copia e incolla da Reina, un leader vero, e non ascoltare ciò che viene detto“) sarà protetto da Musacchio e Romangoli, con Rodriguez che ha vinto il ballottaggio con Laxalt e Calabria fisso sulla corsia di destra. A centrocampo solo conferme per la continuità di Biglia, la corsa di Kessiè e la qualità di Bonaventura, che nella pause delle nazionali ha solo raccolto consensi intorno alla propria duttilità. Davanti il tridente che da giorni sta facendo la spola casa-milanello per trovare la giusta intesa: Calha-Suso-Higuain per trovare il goal che latita da troppi minuti.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi