Milan: Chiesa nel mirino

Milan: Chiesa nel mirino

0

img_9449-324x307 Milan: Chiesa nel mirino Calcio Sport   Milano-Sosta per le nazionali e domenica di riposo per i giocatori rossoneri che, al cinquantesimo giorno di gestione Elliott, vedono i primi frutti del lavoro della nuova dirigenza: appeal della squadra cresciuto e fiducia nel futuro, tutte cose che significano mercato importante e crescita esponenziale.

Crescita uno: Gattuso

Pubblicità

Il tecnico rossonero si è molto evoluto da quando calcava il campo da gioco e, pur mantenendo l’indole da mediano di rottura, ha imparato dai grandi allenatori che ha avuto come gestire il gruppo (vedi le seconde linee e lo sviluppo di giovani come Cutrone), che tipo di gioco mettere in campo e come renderlo riconoscibile. Secondo Pirlo il Milan è la squadra che al momento gioca meglio in Italia, parole di elogio nelle quali qualcosa di vero si può ritrovare: il Milan gioca grazie a Gattuso e alla sua scelta riguardo la continuità della rosa il calcio più riconoscibile in Serie A, con tutti i difetti imputabili e migliorabili, ma quando scende in campo una squadra di Gattuso si riconoscono dei principi basilari già dal fischio di inizio.

Crescita due: appeal

Prima c’era la Juventus, destinazione non gradita al calciatore per la forte rivalità con Firenze, poi il Real Madrid, una suggestione più che una vera e propria possibilità, infine l’Inter, che sembrava aver fatto sul serio con quell’offerta rifiutata da 60 milioni. Ora, a quasi un mese dalla chiusura del mercato alla corsa per Federico Chiesa (6 goal e 9 assist la scorsa stagione con la Fiorentina, quest’anno è già a quota un goal) si è iscritto anche il Milan con un netto sorpasso sui cugini nerazzurri. La prospettiva di crescita dei rossoneri pare aver molto colpito il papà Enrico, così come la leggenda di calciatori come Kakà e Shevchencko, da sempre idoli del calciatore, faciliterebbe la scelta del ragazzo. Difficile oggi pensare che Chiesa possa accettare il Milan e che la Fiorentina lo lasci partire con tanta facilità, il suo prezzo rimane pur sempre di circa 60 milioni di euro, ma ad oggi possiamo registrare un interesse reciproco tra le parti, che potrebbe concretizzarsi nel prossimo mercato estivo (o in quello successivo vista la volontà del padre di tenerlo ancora a Firenze un anno) portando Chiesa in rossonero.

 

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi