Diciotti. Gli immigrati in Albania e dai Vescovi

Diciotti. Gli immigrati in Albania e dai Vescovi

0
20180823_senza-titolo_8467-324x216 Diciotti. Gli immigrati in Albania e dai Vescovi Prima Pagina
Cordone di sicurezza davanti all’attracco del molo di ancoraggio della nave Diciotti con a bordo i migranti

La soluzione della crisi della Nave Diciotti è arrivata questa sera e ne ha dato notizia il ministro dell’intrno Matteo Salvini durante un comizio prelettorale a Pinzolo, in Trentino, che è stato trasmetto in diretta su Facebook. Una parte degli immigrati, secondo le parole del ministro, sono saranno accolti dall’ Albania.

Salvini ha ringraziato il governo albanese

Pubblicità

Il governo albanese ha dato la sua disponibilità, anche se attualmente non è ancora parte della unione Europea. Il ministro Salvini ha sottolineato come, invece, da altri paesi europei non sia arrivata alcuna disponibilità. La comunità dei Vescovi della chiesa Cristiana cattolica accoglierà e assisterà un altro gruppo di immigrati. Altri paesi, di cui non è stato fatto il nome, accoglieranno quanti rimasti, divisi in piccoli gruppi.
Pare che gli immigrati clandestini a bordo della Diciotti non abbiano infine effettuato lo sciopero della fame che era stato annunciato, ma abbiano consumato i pasti regolarmente.

Durante il lavoro e le consultazioni con altri governi per la soluzione della crisi è giunta la notizia della messa sotto inchiesta del ministro Salvini da parte di un procuratore di Agrigento. Il ministro ha detto anche che per il crollo del ponte Morandi a Genova non c’è ancora neppure un indagato. Il ministro dell’interno, che ha il dovere di garantire la sicurezza ai cittadini, è  invece indagato per aver svolto il suo compito. Con un messaggio su Facebook, Salvini si preso la piena responsabilità di aver dato l’ordine di non far sbarcare i passeggeri della Diciotti. Il video di Facebook con l’intervento completo del ministro a Pinzallo si trova a questo link della sua pagina Facebook.

Nessun commento

Rispondi