Genova. Ponte Morandi. Almeno 20 le vittime. Aiuti dalla Lombardia

Genova. Ponte Morandi. Almeno 20 le vittime. Aiuti dalla Lombardia

0
IMG-20180814-WA0009-324x243 Genova. Ponte Morandi. Almeno 20 le vittime. Aiuti dalla Lombardia Lombardia Prima Pagina
Foto di Antonio Giordano

Genova. Sarebbero più di venti le vittime individuate fino a questo momento tra le macerie del Ponte Morandi, crollato questa mattina ipoco prima delle 11 a Genova. Si sono contati anche, per il momento 5 feriti, che sono stati trasportati in codice rosso, tramite l’elisoccorso, in diversi ospedali.  Altri feriti se la sono cavata meglio. Le notizie si accavallano e attualmente nella zona stanno operando i vigili del fuoco e i mezzi del 118. Parrebbe che fra le vittime estratte finora ci sia anche un bambino. Alcuni testimoni parlano di due  grandi bagliori sul pilone centrale del ponte poco prima che la campata cominciasse a cedere. Forse, dicono, causati da un fulmine. Oppure dallo strappo delle linee della corrente elettrica avvenuto ai primi cedimenti del pilone. Si attendono però le conferme di questo fatto, che è però registrato in diversi filmati amatoriali diffusi sul web.

Il ponte Morandi

Pubblicità

Il Ponte Morandi, sulla A 10 che collega Genova con la riviera di ponente, verso Ventimiglia, è stato costruito nel 1967. Attraversa il torrente Polcevera, tra i quartieri genovesi di Sampierdarena e Corigliano. La sua altezza da terra alla campata era di circa 90 metri: da quella altezza sono cadute le automobili e i tir che lo stavano percorrendo nel momento del cedimento che ha causato la caduta di tutta la campata centrale. Un tir è riuscito a fermarsi in tempo, sul’orlo del baratro. Timori anche per chi era nelle  nei pressi del ponte, e nelle case più vicine, che sarebbero state raggiunte dalle macerie.

Allerta Meteo arancione

Le operazioni di soccorso sono ancora attive, alla ricerca con cani e altri mezzi, di possibili dispersi. La situazione rischia di complicarsi ancora di più perchè sulla Liguria si attendono temporali fortissimi per le prossime ore, e la protezione civile ha comunicato che l’allerta meteo è arancione.

Aiuti anche dalla Lombardia

Un elicottero del 118 con a bordo personale della squadra U.S.A.R. (Urban Search And Rescue) specializzata in attività di ricerca e
salvataggio di persone disperse e seppellite, è partito da Milano alle 12.07,  per raggiungere i luogo del crollo. L’elicottero sarà poi messo a disposizione per il trasporto dei feriti negli ospedali, mentre la squadra opererà sul posto. La squadra U.s.a.r. della protezione civile della Lombardia è l’unica realtà italiana attualmente esistente in grado di coordinare personale di ricerca e sanitario.

 

 

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi