Spesa alla spina e cannucce vegetali: Milano contro la plastica

Spesa alla spina e cannucce vegetali: Milano contro la plastica

inquinamento-324x216 Spesa alla spina e cannucce vegetali: Milano contro la plastica Ambiente Salute    Sempre più bar, negozi e supermercati di Milano hanno deciso di dare una svolta più “green” al loro commercio, riducendo o eliminando definitivamente la presenza di plastica nei loro prodotti.

Pubblicità

Sono nati infatti i nuovi alimentari in cui è possibile fare la spesa completamente alla spina, ovvero prelevando direttamente i prodotti senza alcun tipo di imballaggio. Ma non è tutto: addirittura molti locali notturni hanno deciso di sostituire le classiche cannucce dei drink con steli vegetali.

Si tratta di iniziative molto importanti e lodevoli, viste le condizioni del nostro pianeta: i mari e gli oceani sono i primi a risentire le conseguenze di questa invasione di plastica. Pesci e uccelli ne muoiono o la ingeriscono, e noi ingeriamo loro, noncuranti delle gravissime conseguenze che ciò comporta.

Ecco una lista di alcuni dei luoghi “plastic free” di Milano

  • Effecorta, in zona Affori, dove è possibile acquistare alimenti alla spina e a filiera corta;
  • Mamma Natura, a due passi da Udine, dove tutto viene venduto rigorosamente senza imballaggio e al peso;
  • Biosballo, a Sesto San Giovanni, dove se si evitano involucri e confezioni si risparmia;
  • l’Angolo diVino, in piazza Insubria, nel quale riempire le proprie bottiglie con vini e liquori;
  • per gli amanti dei buoni calici c’è anche PerBacco, in zona Loreto, apprezzata enoteca di vino sfuso.
  • Negozio Leggero, in via Anfossi 13, supermercato alla spina nato a Torino nel 2009 e arrivato anche a Milano negli anni successivi. Di questa catena fanno parte:
  1. Locanda Leggera, un ristorante con obbiettivo rifiuti zero
  2. Casa Leggera
  3. Bomboniere Leggere

Ma non sono solo i supermercati ad aver dichiarato guerra alla plastica, consci che il riciclo non è sufficiente.

  • La catena di cosmetici amici dell’ambiente, Lush, ad esempio, ha aperto in via Torino il primo “naked shop” al mondo, ovvero un punto vendita in cui sono disponibili esclusivamente prodotti solidi senza alcun tipo di imballaggio, dallo shampoo ai saponi, passando per gel doccia e deodoranti.

Tra i locali notturni troviamo invece:

  • in012, il bar per gli amanti del gin sull’Alzaia Naviglio Grande, che ha completamente eliminato le cannucce, mettendone a disposizione alcune in citronella per chi proprio non può farne a meno.
  • Mixology Bar, in via Pio VI, serve cocktail di altissima qualità con cannucce in pasta secca (anche per celiaci) e fa a meno di stoviglie e posate usa e getta.
Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi