Sequestri alla ‘Ndrangheta tra Motta Visconti e Milano sud

Sequestri alla ‘Ndrangheta tra Motta Visconti e Milano sud

Ieri, primo agosto, gli agenti della Divisione Anticrimine della Questura di Milano, hanno portato a termine un grande sequestro di beni alla ‘ndrangheta. Si tratta di 11 immobili per un valore totale di 2 milioni di euro, sequestrati ai fini della confisca, come succede sempre in questi casi, nel comune di Motta Visconti e nei comuni limitrofi dell’area sud della provincia di Milano. Si tratta di beni e capitali di cui è stato dimostrato essere nella disponibilità dell’imprenditore 43enne originario della Calabria, e accusato di essere organico alla cosca ‘ndranghetista dei Gallace-Ruga, attiva nella zona di Catanzaro. L’affiliazione alla ndrangheta è documentata da un rito di iniziazione avvenuto in Calabria.

Armi da guerra in custodia

L’uomo, che è già stato condannato con sentenza definitiva per associazione mafiosa ex art. 416 bis c.p., è un esponente di spicco della ‘ndrina locale di Giussano (MB) e, da quanto comunicano dalla questura, aveva il compito di custodire armi, anche da guerra, per conto della associazione mafiosa. Nel corso degli anni ha accumulato un patrimonio ingente, costituito dagli 11 immobili, che si trovano in Lombardia e in Calabria, e da numerosi conti correnti. In tutto, il patrimonio sequestrato, e che verosimilmente deriva da attività illecite, è di 2 milioni di euro. La proposta del sequestro in via di prevenzione patrimoniale, avanzata dal questore Cardona, è stata accolta dal tribunale, sezione Misure di Prevenzione.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi