Allarme legionella: 3 morti e 26 contagi

Allarme legionella: 3 morti e 26 contagi

rubinetto-324x216 Allarme legionella: 3 morti e 26 contagi Cronaca Milano Prima Pagina Salute    Allarme legionella: sempre più persone contagiate e sempre più controlli da parte dell’Ats.

Pubblicità

Infatti, due dei 98 campionamenti, effettuati nel Comune di Bresso dall’Ats di Milano, per individuare la presenza del batterio legionella hanno dato esito positivo. Il batterio è stato individuato nell’acqua presente in casa di una delle persone contagiate e in una fontana decorativa chiamata “mappamondo”, che si trova nel piazzale della Chiesa di San Nazzario Eccelso proprio davanti al tempio.

Dagli ultimi bilanci, risulta che i morti siano stati tre in tre giorni diversi, ma tutti in luoghi diversi: uno a Bresso, uno a Cormano e uno a Cusano Milanino.

La prima vittima di questo batterio è stato Lino Mazzola, deceduto lunedì 23 luglio; è stato poi seguito da due signore, morte martedì e mercoledì.

Le vittime sono comunque tutte anziane: le prime due avevano 94 anni, l’ultima 84. Sono decedute per le complicanze sopraggiunte dopo aver contratto il batterio.

Intanto salgono a 26 i casi di contagio accertati. Sono tutti ricoverati tra l’ospedale Bassini di Cinisello Balsamo e il Niguarda di Milano.

Cos’è la legionella

La legionella, o Malattia del Legionario, è un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella pneumophila. Il genere Legionella, è stata così denominata nel 1976. dopo che un’epidemia si era diffusa tra i partecipanti al raduno della Legione Americana presso il Bellevue Stratford Hotel di Philadelphia. In quell’occasione, la fonte di contaminazione era stata identificata nel sistema di aria condizionata dell’albergo.

Le legionelle sono comunemente presenti negli ambienti acquatici naturali e artificiali. La legionellosi viene solitamente acquisita per via respiratoria mediante inalazione, aspirazione, o micro aspirazione di aerosol contenente Legionella, oppure di particelle derivate per essiccamento.

Come dimostrato dai tre morti in provincia di Milano, i soggetti più a rischio sono gli anziani, i fumatori, persone affette da malattie croniche o immunodeficienza.

Consigli utili da seguire

  • evitare l’utilizzo della doccia ed usare precauzioni nell’utilizzo dell’acqua calda dei rubinetti di casa;
  • evitare l’utilizzo di vasche con idromassaggio;
  • evitare di irrigare i giardini utilizzando pompe con diffusori a spruzzo;
  • evitare l’impiego di umidificatori riempiti con acqua del rubinetto;
  • evitare l’impiego di acqua di rubinetto per riempire apparecchi di aerosolterapia o ossigenoterapia

 

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi