Nega la corsa a due invalidi: sospesa per 30 giorni la sua...

Nega la corsa a due invalidi: sospesa per 30 giorni la sua licenza di tassista

taxi2-324x104 Nega la corsa a due invalidi: sospesa per 30 giorni la sua licenza di tassista Cronaca Milano Prima Pagina   E’ stata sospesa per trenta giorni la licenza di un tassista del Varesotto, che la scorsa estate aveva negato la corsa a due anziani invalidi e alla loro figlia.
I tre avrebbero dovuto fare un tragitto piuttosto breve: sarebbero dovuti arrivare a Cardano al Campo. E proprio per questo motivo l’uomo aveva invitato la famiglia a rivolgersi ai colleghi che si occupavano di fare percorsi più brevi, ed era andato via.

Pubblicità

I tre, l’anziana in carrozzina, l’anziano disabile e la donna, avevano chiesto al conducente dell’auto bianca di essere accompagnati a casa, ma l’uomo aveva rifiutato probabilmente per aspettare la “corsa piena” da Malpensa a Milano, che costa 95 euro.
Ad andare in aiuto della famiglia era stato un altro tassista, che ha poi anche deposto alla “udienza” che si è tenuta in commissione disciplinare regionale dei taxi per decidere la punizione per il guidatore indisciplinato.
E la punizione è subito arrivata: licenza sospesa per un mese. Questo perché il taxi è un servizio di trasporto pubblico e nessuna corsa può essere rifiutata per alcun motivo, men che meno quelli utilizzati in tale situazione.

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi