Un mercato che non si ferma: il Milan vola a Londra mentre...

Un mercato che non si ferma: il Milan vola a Londra mentre Higuaín non chiude le porte

603a734e-2d98-4445-b71e-32f762ee70d8-324x324 Un mercato che non si ferma: il Milan vola a Londra mentre Higuaín non chiude le porte Calcio Prima Pagina Sport   Milano-Fassone e Mirabelli saranno anche in procinto di lasciare Milano e il Milan, ma non fermano il mercato rossonero: Morata, Higuaín e Paredes gli obbiettivi.

Morata: London Calling 

Pubblicità

Alvaro Morata è stato vicino al Milan già la scorsa stagione ma l’interesse del Chelsea di Antonio Conte e le condizioni economiche sfavorevoli lo fecero virare verso la Premier League. Una stagione deludente dopo il suo desiderio, e quello della compagna Alice Campello, è di tornare in Italia dove il calcio è meno fisico che in Inghilterra e dove Alvaro si era ambientato a meraviglia ai tempi della Juventus. Proprio la Juventus sembrava vicina al calciatore spagnolo, salvo poi virare sul maxi colpo Cristiano Ronaldo chiudendo le porte all’arrivo del figliol prodigo da trarre in salvo da Londra. Ora ci prova il Milan: potrebbero bastare sessanta milioni che deriverebbero o dall’aumento di capitale stanziato da Elliott (tutto da verificare) o da cessioni eccellenti (Suso in primis). Si attendono sviluppi da Londra mentre da Losanna arriverà a breve il verdetto finale sull’Europa League. 

Higuaín si, Higuaín no

Altra suggestione, questa volta di un peso specifico diverso, è quella che porta a Gonzalo Higuaín. Il triangolo è molto semplice e lineare: Gonzalo a Londra, Morata a milano e juventus che incassa circa 60 milioni per coprire l’investimento fatto su CR7. La variabile impazzita è la volontà di Higuaín e la forza economica del Milan che, qualora fosse estremamente alta, potrebbe portare Gonzalo a Milano, sponda rossonera, dove il pipita troverebbe un ambiente atto ad accoglierlo nel migliore dei modi. Nelle ultime ore l’argentino ha aperto in maniera netta al possibile approdo al Milan, anche qualora il Tas non accettasse il ricorso e di conseguenza il Milan rimanesse senza Europa League. Le suggestioni spesso rimangono tali, ma dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo quest’anno sembra davvero tutto possibile.

Leo Paredes dalla Russia

Il clima della Russia, specialmente in questo periodo dell’anno, per un Argentino non è sempre facile da sopportare: Leo Paredes ha l’etichetta con il prezzo attaccata da quando Mancini ha lasciato lo Zenit e il Milan ci sta seriamente pensando. Il centrocampista argentino costa circa 25 milioni, gli stessi investiti dal club russo un anno fa per strapparlo alla Roma, è duttile tatticamente è forte tecnicamente oltre ad associare quantità e qualità. Esattamente ciò che servirebbe al Milan che, aspettando gli esiti di questa settimana, fa orecchie da mercante e attende. Leo vuole il Milan e il Milan vuole Paredes, se sarà un matrimonio da fare lo vedremo dopo sabato 21. 

Bonucci, Suso e Donnarumma

Sempre loro. I nomi fatti per le cessioni rimangono sempre gli stessi e non ci si discosta dalla verità: Suso e Bonucci hanno lo stesso agente, Lucci, che da qualche mese a questa parte sta cercando di portare via i suoi assistiti da Milanello. Leo, per la verità, si è sempre espresso in maniera opposta ma i movimenti di mercato suggeriti in questi giorni non hanno aiutato la stabilità interna alla squadra. Suso, invece, non ha mai nascosto la possibilità che un giorno potesse dire “grazie e arrivederci” al Milan che tanto ha fatto per lui, ma che ora sembra quasi essere posto alla stregua di un trampolino non abbastanza alto da cui lanciarsi. Infine Gigio: il portierone interessa alla Roma che sul piatto potrebbe mettere Strootman e qualche milione, oppure, parte del cash proveniente dalla cessione di Alisson. Anche il Liverpool resta alla finestra, ma fino a che il domino dei portieri non inizierà sarà difficile prevedere dove e se Donnarumma andrà via. 

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi