Operazione Clichè. Schiave e prostitute tramite i riti juju liberate da Oba...

Operazione Clichè. Schiave e prostitute tramite i riti juju liberate da Oba Ewuare II e dai carabinieri

Legnano – Due ragazze nigeriane sono state liberate dalla schiavitù della prostituzione. le giovani provengono dallo stato di Edo e dalla città di Benin city. I carabinieri hanno arrestato la maman e denunciato a piede libero il marito e la figlia 25enne, che aiutava a gestire il traffico di sfruttamento della prostituzione.  Le due ragazze, che hanno storie diverse, ma ambedue erano state ridotte in schiavitù, erano state sottoposte, in Nigeria, ad un  rito di sottomissione che appartiene alla cultura Juju, una specie di woodoo praticato nello stato di Edo.

E’ già qualche anno che si è scoperto che gli sfruttatori della prostituzione utilizzano questa pratica per portare le giovani nigeriane in Italia e obbligarle alla prostituzione. Le due ragazze avevano giurato di restituire i 35mila euro del costo del viaggio. In cambio era stato detto loro che avrebbero lavorato come commesse in un negozio. La maman, invece, ha un banchetto con cui gira i mercati. A distanza di un mese l’una dall’altra, le due giovani avevano attraversato il deserto ed erano arrivate in Libia. Erano state caricate sui barconi che le ong soccorrono e una volta in Italia, nei centri di accoglienza, erano state recuperate dal marito della Maman, che le aveva portate a Legnano. Qui è stato detto loro che, dato che avevano giurato di non tradire la maman, invece delle commesse avrebbero dovuto fare le prostitute e che, se si rifiutavano, sarebbero impazzite o sarebbero morte, per effetto della maledizione juju.

9 marzo: Oba Ewuare II, capo spirituale degli Edo, ha  annullato tutti i giuramenti juju

Lo scorso 9 marzo 2018,  capo spirituale degli Edo, ha convocato  in una riunione plenaria che si è tenuta a Benin city cui hanno partecipato tutti i sacerdoti della tradizione animista Juju. Qui ha dichiarato tutte le donne nigeriane libere da qualsiasi maledizione, ha revocato tutti i giuramenti e obblighi derivanti dai riti juju e ha proibito ai suoi sacerdoti juju di praticarne altri e ha detto che se lo rifaranno la punizione degli dei ricadrà contro di loro”. Una dichiaraziopne molto importante che deve raggiungere tutte le ragazze nigeriane che si trovano sulla strada. Infatti pare che tutte le prostitute nigeriane in italia siano originarie dello stato di Edo e sono state reclutate in questo modo, trasportate prima attraverso il deserto e poi a bordo delle navi delle ong, per essere poi prelevate dai loro aguzzini.

I carabinieri

I carabinieri di Legnano sono stati avvisati dalla polizia di Stato Foggiana, cui si era rivolta una giovane nigeriana, per essere aiutata a tornare a casa. La giovane donna aveva letto un articolo con le dichiarazioni di Ewuare II e aveva trovato il coraggio di scappare dai suoi aguzzini. Alla polizia di Foggia ha raccontato di essere stata tenuta a Legnano, e che veniva fatta prostituire fra viale Certosa, a Milano, e la zona di Baranzate e Bollate, per restituire 35mila euro, e che da questo gli erano trattenuti anche i soldi del vitto e dell’alloggio. La ragazza ha anche raccontato che durante il rito juju la maman era in collegamento telefonico via smartphone, con il prete juju che lo stava eseguendo, per essere sicura che la ragazza obbedisse.  Da queste informazioni i Carabinieri hanno individuato la maman, la sua famiglia e una seconda ragazza che era tenuta in schiavitù e costretta a prostituirsi. Sono quindi riusciti a convincerla a collaborare, liberandola. La poveretta era in Italia dal luglio 2017

 

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi