img_6129-324x251 Il Brasile continua a volare: Thiago Silva e Paulinho sigillano il primo posto. La Svizzera ottiene il pass e sfiderà la Svezia Calcio Mondiali di calcio 2018 Prima Pagina Sport   Milano-Eliminata la Germania il Brasile scende in campo con tutta la tranquillità del caso e la consapevolezza di essere superiore: annientata la Serbia mai realmente pericolosa. Nell’altra gara della sera, la Svizzera pareggia contro la Costa Rica e sfiderà la Svezia.

Neymar: aspettiamo tutti te

Pubblicità

Serbia – Brasile: 0-2
(Paulinho 36, Thiago Silva 68’)

Dopo il goal a tempo scaduto segnato contro la Costa Rica tutto il popolo brasiliano si aspettava un exploit del suo numero dieci: nessun goal, anche se più volte c’è andato vicino, ma tante giocate di qualità e una fiducia nei propri mezzi ostentata oltre che sfruttata per demolire la Serbia. Un assist a Thiago Silva, capitano senza fascia ritornato finalmente ai suoi livelli, e una coppia, formata con Coutinho, da far paura. Il numero 14 del Barcellona ha illuminato anche ieri, perfetto l’assist per Paulinho, avvicinandosi sempre più alla palma di milgior giocatore di questo Brasile tutto talento e concretezza, che aspetta solo di vedere O’Ney esultare con le braccia spalancate.

Gli ottavi contro il Messico

La sfida di lunedì pomeriggio (ore 16:00 Samara Arena) contro il Messico sarà il crocevia nuovamente fondamentale per la squadra di Tite: ora si inizia a fare sul serio e un passo falso significa eliminazione e delusione di una nazione intera. Il Brasile si prepara ad affrontare Lozano ed Hernandez con le certezze costruite in questi ultimi due anni: una difesa solida, un attacco spettacolare e un centrocampo concreto con il vizio del goal (Paulinho ieri ha sbloccato la partita, Casemiro ci ha provato dalla distanza). Con dei presupposti simili cosa aspettarsi lunedì?

La Svizzera a carro armato

Svizzera – Costa Rica: 2-2
(Dzemaili 31’, Drmic 88’ / Watson 56’, Sommer 90+3)

La Costa Rica non ci sta, e dopo aver scheggiato una traversa pareggia in extremis conquistando il primo punto dei suoi mondiali. Partita forse con l’ambizione di ripetere l’impresa del 2014, la squadra del centroamerica ha impattato contro un girone complicato nel quale la sconfitta all’esordio con la Serbia ha condizionato la possibile sorpresa. Dall’altro lato del campo una Svizzera sempre più solida che non perde una partita da mesi e che della praticità ha fatto il proprio mantra: segna Dzemaili su assist di Embolo e la partita si incanala verso la direzione desiderata dai biancorossi che per un momento hanno anche accarezzato la possibilità di passare da primi in classifica. Un Mondiale strano, questo è vero, che ha visto la Germania uscire e il Messico perdere 0-3 con la Svezia, ci ha regalato un gruppo avvincente dove le favorite sono riuscite ad ottenere quel pass che significa ottavi di finale.

Gli ottavi: sfida tutta Europea

Prevediamo una gara chiusa e accorta martedì pomeriggio a San Pietroburgo, con Svezia e Svizzera attente a fare meno danni possibili per potersi giocare tutte le proprie carte. La vincente troverà una tra la seconda del Gruppo G e la prima del Gruppo H, gironi in cui la classifica è ancora tutta da decidere con le gare previste per la giornata di oggi.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi