Contactless. Oggi la metro si paga con la carta di credito

Contactless. Oggi la metro si paga con la carta di credito

0

Questo slideshow richiede JavaScript.

I vertici di Atm, il presidente Luca Bianchi e il direttore generale Arrigo Giana, insieme a Michele Centemero, Country manager Italy di Mastercard, e a Davide Steffanini, General manager Visa Italia hanno presentato questo pomeriggio all’interno della stazione della metropolitana di Garibaldi, linea verde, i nuovi tornelli con il pos integrato. Da oggi è infatti possibile pagare il biglietto della metropolitana con le carte di credito contactless sia fisiche sia virtuali.  Durante l’ultimo mese sono state attrezzate le 113 stazioni della metropolitana e 250 tornelli. Arrigo Giana, amministratore delegato di atm ha ringraziato i due brand Visa e Mastercard che hanno reso possibile una innovaziome presente solo in alcune città del mondo, di cui pochissime in Europa. Presente anche l’assessore alla mobilità del comune di Milano Marco Granelli.

Come funziona

Il sistema registra l’entrata e l’uscita delle persone dai tornelli, con il metodo del check in check-out. Il vantaggio è che se si compiono più viaggi nella giornata il sistema applica automaticamente la tariffa più conveniente al viaggiatore a fine giornata. Ad esempio, se si fanno più di 4 viaggi il sistema applica la tariffa dell’abbonamento giornaliero invece della tariffa piena.  Sì possono usare smartphone con carte virtuali, carte prepagate, o carte legate al conto corrente purchè siano prima abilitate all’uso tramite il sito internet di atm. Unica attenzione da avere è, secondo me, quella di non tenere nello stesso portafoglio la carta contactless abilitata al pagamento dei biglietti di ATM e un badge di abbonamento. Nonostante le molte rassicurazioni sulla impossibilità del doppio addebito o dell’addebito non dovuto da parte dei tecnici di visa, mastercard, e ATM non sono ancora del tutto convinta che non possa essere rilevata una contactless mentre si utilizza un tesserino di abbonamento. In ogni caso è facile ovviare a qualsiasi rischio. Basta tenere separate le due tessere, perché il sistema pos rileva il pagamento solo a distanza ravvicinata, 3-4 cm.

Solo in metro?

Non è ancora possibile utilizzare il metodo di pagamento con la carta contactless sui mezzi di superficie e su quelli extra urbani. Per ottenere la completa integrazione del sistema sui trasporti milanesi sarà necessario attendere che sia completa la rete internet a 5 G su tutti i mezzi di ATM. La sua velocità permetterà di registrare il pagamento anche se il tram è in movimento, con una stabilità di rete tale che il meccanismo avrà la stessa accuratezza che avrebbe stando fermo. Infatti ogni tornello e ogni macchinetta timbratrice della città dovrà essere sempre in rete con le altre.

ATM prevede di integrare il sistema tariffario extraurbano dal 2019 proprio grazie ai l’internet delle cose che permetterà di avere un maggior controllo sui pagamenti dei biglietti. Per il momento si pagare con la carta contactless solo se si inizia il viaggio in metropolitana. I controllori sui mezzi di superfice saranno in grado con il loro palmare, di rilevare se sulla arta risulta un biglietto pagato e regolare

I complimenti a Milano

Michele Centemero, country Manager italia, ha posto l’accento del suo intervento sulla digitalizzazione del nostro mondo e sulla necessità di aumentare la user Experience e di semplificare la vita quotidiana attraverso l’utilizzo di internet. “In un momento storico sempre più digitale, dove ogni dispositivo è connesso, MasterCard lavora insieme ai propri partner per creare tecnologie sempre più innovative che offrono ai consumatori non solo esperienze nuove ed uniche, ma anche una soluzione per semplificare la loro vita quotidiana. Oggi Siamo lieti di annunciare insieme ad ATM e ai partner del progetto una nuova modalità di vivere i trasporti a milano, iniziativa che posiziona la città Meneghina fra le più innovative d’Europa e che funge da importante stimolo per la promozione della cashless society.”

E Davide Steffanini, General manager Visa italia, che fa il più bel complimento a Milano dicendo che solo qui si poteva fare quello che è stato fatto oggi, che è persino più di quello che è stato fatto ad esempio a Londra. “Il modello Visa del settore Transit mette l’utente al centro e abilita il cambiamento con soluzioni a misura d’uomo in ambienti grazie alla tecnologia di pagamento contactless di Visa le transazioni avvengono in maniera sicura, in millesimi di secondo. Niente più code e attese. Le stazioni diventano efficienti e sicure, i viaggi più veloci e fluidi nel complesso”.

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente, sul giornalino della parrocchia, l'Urlo. Tra il 1977 e il 1982 circa ho lavorato in una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Da 17 anni sono uno degli speaker radiofonici della più bella delle radio milanesi, RPL. Ho collaborato con quotidiani e settimanali, occupandomi di tutto, dalla cronaca allo sport. Come Web Content Specialist seguo blog e testate giornalistiche online. Ora mi occupo della redazione di Zoom Milano.

Nessun commento

Rispondi