Una festa di cortile in via Paolo Sarpi

Una festa di cortile in via Paolo Sarpi

paolo-sarpi-20-324x216 Una festa di cortile in via Paolo Sarpi Costume e Società Cultura   Conosciamo tutti la via Paolo Sarpi, famosa in Italia e nel mondo per essere la China town milanese. Ma, al N.16 di questa via, oggi c’è stato qualcosa di diverso, di molto più radicato nella storia della nostra città. Qui si è tenuta infatti Ca’ Sarpi in festa, un’iniziativa di Comitatosarpi. Durante la festa, durata dalle 16:00 alle 22:00, si sono alternate diverse attività come ad esempio la trasformazione delle buste per la spesa in opere d’arte, il laboratorio creativo e di disegno per bambini ed adulti, oppure il laboratorio di fumetto dell’Apepé anche questo, per bambini ed adulti.

Musica dal vivo e le altre attività

Pubblicità

Per tutta la serata sono state presenti bancarelle di libri usati, artigianato, e vestiti e oggetti di seconda mano. Si sono inoltre esibiti gli om sharan salafia ensamble group e la cantautrice Maria vittoria Jedlowski con le sue eccentriche e spirituali composizioni. Una mostra fotografica, ci ricorda invece stralci della vita comune nel cortile.

La festa, in un contesto da vecchia Milano

Balconi con i panni stesi, i ballatoi e le scale tipiche delle case di rinchiera della vecchia Milano, ecco cosa si nasconde al N. 16 di Via Paolo Sarpi. Quella Milano che sicuramente esiste ancora in tantissime altre vie di Milano, ma che sta pian piano sparendo per via degli altissimi affitti che costringono chi ha da sempre vissuto in queste vie ad abbandonare il proprio quartiere, e con esso la propria storia. Il recupero architettonico e ambientale, non dovrebbe mai prescindere dal recupero storico e “antropologico” nel senso nobile della parola. Riportare e salvaguardare i Milanesi a Milano è tanto importante quanto salvaguardare la cultura di quello che ormai è diventato il quartiere cinese di Milano. Le due Paolo sarpi, quella cinese e quella milanese non devono per forza di cose essere in contrapposizione, anche se la strada da fare per raggiungere una vera integrazione, è ancora molto lunga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Joni Preti
Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

Nessun commento

Rispondi