Il giardino segreto del WWF a Milano

Il giardino segreto del WWF a Milano

Casa-degli-artisti-parco-e-wwf-3-324x216 Il giardino segreto del WWF a Milano Ambiente
foto di Gianluca Preti

C’è un giardino segreto a Milano, a pochissimi passi dal parco sempione, in via T. da Cazzaniga. Questo giardino, adiacente alla casa degli artisti da poco restaurata e che sarà restituita alla cittadinanza entro pochi mesi, ha veramente qualcosa di magico. Nonostante la zona trafficata, e il sole battente che in questi giorni rende difficile persino uscire di casa, qui si respira un’aria di tranquillità, in un ambiente fresco e completamente in ombra. Il giardino è tenuto benissimo, anche perchè è la sede del WWF Lombardia, e loro, di natura se ne intendono.

La mostra “Art oasis secret garden

Iniziata il 19 giugno, si protrarrà fino al 29 luglio. orario di apertura, dalle 16,30 alle 22,30. Questa mostra che viene definita dagli autori “esperienziale e performance”, è chiaramente ispirata alla natura, e allo scambio equo e circolare con l’ambiente e la natura che ci circonda. Nello spazio è presente anche un piccolo chiosco dove dove è possibile gustare aperitivi comodamente seduti sulle poltrone e divani all’iterno del giardino.

Gli artisti

Matteo Bosi, artista poliedrico e comunication manager, e Luciano Lasagni, pittore che si ispira a per le sue opere, alla filosofia indiana, vengono definiti come la materia prima, su cui sviluppare un discorso comune per rigenerare e creare nuove opere, nell’immensa illusione dell’arte. Gli artisti o performers, sono il pubblico, mentre l’art director della mostra, è Fabio Gallana.

Il giardino e il W.W.F.

Il giardino segreto, ora sede del W.W.F. della Lombardia è veramente difficile da trovare se non lo si conosce. In via Tommaso da Cazzaniga, all’incirca al numero civico 8 (ma va detto che non è per nulla facile trovare un numero civico in questa via) ha come accesso un anonimo cancelletto, che sembra quasi un ingresso privato, ma percorsi pochi metri ci si trova in un parco diviso in due parti, il parco pubblico vero e proprio, e il giardino del W.W.F composto oltre che dal giardino, da un edificio basso e lungo, in cui è attualmente situata la mostra. Se vi trovate dalle parti del parco sempione, zona arena civica, o dalle parti della stazione M2 Moscova, vi consiglio di visitarlo, sono sicuro che non ve ne pentirete.

Joni Preti
Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

Nessun commento

Rispondi