Successo dei carabinieri di Monza. Scoperti 29 ladri e 40 colpi in...

Successo dei carabinieri di Monza. Scoperti 29 ladri e 40 colpi in un botto solo

0

20180621_154346-324x182 Successo dei carabinieri di Monza. Scoperti 29 ladri e 40 colpi in un botto solo Lombardia Prima Pagina   La caratteristica dell’operazione dei Carabinieri di Monza che è avvenuta la scorsa notte e di cui ha dato notizia per primo Ministro degli Interni Matteo Salvini, durante la trasmissione Agorà, è che i componenti della banda di ladri di auto, 28 rumeni e un ceco , sono tutti di etnia Rom, senza fissa dimora e non riconducibili ad un campo regolare. Durante la conferenza stampa tenuta questo pomeriggio, al comando di via Moscova a Milano,  dal Colonello Simone Pacioni, dal Capitano Pierpaolo Pinnelli e dalTenente Giuseppe Antonicelli dei carabinieri di Monza, i componenti della banda, che sono accusati di associazione a delinquere, sono stati definiti di persone molto mobili, difficili da localizzare proprio perché non utilizzavano i punti di ricovero tipici degli dei campi rom.  Tra luglio 2016 e marzo 2017 hanno compiuto 40 colpi in altrettante autoconcessionarie dislocate in tutto il nord Italia colpendo in prevalenza le province di Varese, Milano e Monza. Ogni volta portavano via anche 5 auto, principalmente Alfa Romeo di lusso.

Il primo colpo accertato

Il primo colpo che si può attribuire a questa banda è quello avvenuto il 20 luglio 2016 all’autoconcessionaria Pennati di Arcore, in cui la banda, divisa in batterie, aveva prima effettuato dei minuziosi sopralluoghi. Sono stati però ripresi da una piccola telecamera che non avevano notato. In quell’occasione i militari di Monza erano riusciti a recuperare tre auto, sulle quali erano state trovate delle impronte digitali. Due giorni dopo, il 22 luglio , un altro furto ha colpito un bar della zona. Qui furono rubate 7 lottery machine. Dopo averle svuotate, i Rom le abbandonarono. Fu così possibile trovarvi altre impronte digitali attribuibili ai componenti della stessa banda. Da questo punto con il proseguire delle indagini si è arrivati a identificare i 29 rom e a provare la loro partecipazione ai 40 colpi. Da ieri sera a questa mattina sono stati notificati i mandati di arresto per 7 rom che si trovavano già in carcere per altri reati, per un altro Rom che era a piede libero ed è stato arrestato a Milano, e per 21 rom che sono stati localizzati in Romania e per cui è stato emesso un mandato di cattura internazionale.

Il particolare modus operandi

Il capo della banda ha solo 21 anni, ma è già un capo esperto e carismatico. La maggior parte dei componenti delle batterie che dipendevano da lui sono giovanissimi. Solo il rom arrestato a Milano ha circa 57 anni e si occupava della ricettazione delle auto. Queste erano destinate al mercato estero. Particolare anche la gestione delle targhe con cui le auto nuove e non ancora immatricolate erano messe in circolazione. I ladri applicavano delle targhe rubate. Se il furto d’auto è sempre denunciato per via dell’assicurazione , è molto difficile che qualcuno denunci Il furto di una targa. Al massimo la dà per smarrita e né chiede il duplicato.. Le indagini per completare il quadro dei colpi attribuibili alla banda di rom sono ancora in corso.?mid=&wid=51824&sid=&tid=7196&rid=FINISHED&custom1=zoommilano Successo dei carabinieri di Monza. Scoperti 29 ladri e 40 colpi in un botto solo Lombardia Prima Pagina

Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono orgogliosamente uno speaker di Radio Padania libera. Coordino la redazione di Zoommilano.it, collaboro con Conflombardia.com e con alcune agenzie di stampa. In più gestisco un blog, CronacaOssona.com

Nessun commento

Rispondi