Il mondiale del Belgio parte bene ma alcune riserve permangono

Il mondiale del Belgio parte bene ma alcune riserve permangono

0

img_5605-324x176 Il mondiale del Belgio parte bene ma alcune riserve permangono Calcio Sport

Nella partita d’esordio del mondiale contro Panama, la nazionale belga ha liquidato la pratica con un pesante 3-0.

Pubblicità

La perla di Mertens e la doppietta di lukaku hanno indirizzato la partita in favore del Belgio in maniera apparentemente incontrovertibile lasciando, peraltro, alcune riserve relativamente alla prestazione del primo tempo.

Una formazione a sorpresa

L’undici di Martínez si è presentato alla partita d’apertura con una formazione un po’ a sorpresa, disponendo una linea difensiva a 3 formata da Alderweiled, Boyata e Vertonghen.

Il centrocampo a quattro si delinea con Meunier a destra Carrasco a sinistra mentre la coppia di mediani centrali si compone con Witsel e De bruyne, a sorpresa arretrato rispetto alla per lui più naturale linea di trequarti. Davanti Lukaku supportato da Mertens e Hazard.

La perla di Mertens per la svolta belga

La manovra della nazionale belga si svolge in maniera molto compassata nelle fasi iniziali della partita con i tre difensori che non riescono mai a trovare le giuste linee di passaggio.

Le uniche azioni pericolose arrivano pertanto da calci piazzati o da azioni estemporanee.

La ripresa non inizia in modo migliore ma dopo qualche minuto una perla di Mertens sblocca la partita.

La stella del Napoli trova al volo il palo più lontano con un destro che scavalca l’estremo difensore del Panama.

A quel punto le maglie della difesa di Panama si aprono e i talenti della nazionale belga riescono a trovare la via della porta con molta più facilità.

In due di queste occasioni Lukaku non si fa pregare ed insacca mettendo la parola fine alle velleità della nazionale panamense.

Il cammino del Belgio inizia con i tre punti ma la manovra è apparsa farraginosa. Per Martinez ed i suoi serviranno prestazioni di un altro livello contro Tunisia ed Inghilterra.

 

 

Nessun commento

Rispondi