La Russia fa il botto nella gara inaugurale ma oggi si gioca...

La Russia fa il botto nella gara inaugurale ma oggi si gioca ancora: Spagna – Portogallo il big match

img_5785-324x285 La Russia fa il botto nella gara inaugurale ma oggi si gioca ancora: Spagna - Portogallo il big match Calcio Mondiali di calcio 2018 Prima Pagina Sport   Milano-Partita a senso unico quella giocata dalla Russia contro un Arabia Saudita molto più vicina a sembrare una comparsa più che un avversario reale per i padroni di casa. Dopo una cerimonia di apertura moderna e pirotecnica (grandissimo Robbie Williams), i padroni di casa si sono fatti incantare dal gioiello che piace tanto in Italia. Ma stasera c’e Spagna – Portogallo e gli occhi del mondo saranno tutti puntati su Sochi.

La Russia passeggia: Golovin stratosferico

Pubblicità

Il goal che apre il Mondiale è di Gazinskly, che dopo appena dodici minuti infila lo sfortunato portiere arabo. Da l’i in poi il monologo russo è tanto lineare quanto spettacolare: Golovin inventa, Cheryshev, appena entrato al posto dell’infortunato Dzagoev, rifinisce con due splendidi goal. Nel mezzo la capocciata di Dzyuba, su ennesimo assist di Golovin, chiude la partita mentre il ragazzo col numero 17 si regala anche una punizione da cineteca: 5-0 e pratica Arabia Saudita archiviata.

Russia – Arabia Saudita: 5-0 
(Gazinskly 12′, Cheryshev 43′, Dzyuba 71′, Cheryshev 90’+1, Golovin 90’+4)

La stella del Girone A: Aleksandr Golovin

Classe ’96 il talento della Russia si è mostrato al mondo nel giorno dell’esordio mondiale: un goal su punizione, due assist, tantissime giocate di qualità e un cartellino giallo che ne denota il carattere acceso. Nel CSKA quest’anno ha inciso nel computo della manovra, segnando 7 goal in 43 partite con 6 assist a referto: non esattamente un bomber, ma centrocampista completo assolutamente si. L’interesse della Juventus è per questo giustificato e le sue dichiarazioni a fine partita fanno presagire movimenti di mercato che potrebbero spiazzare altre concorrenti (il Milan?): “Io accostato alla Juventus? Fa molto piacere ma ora penso solo al mondiale, loro hanno tantissimi giocatori forti ma il più forte penso sia Dybala.” Dichiarazioni d’amore? Staremo a vedere, intanto la richiesta di 25 milioni da parte del CSKA è stata reputata troppo alta dai vertici bianconeri, quanto meno prima di questo pomeriggio…

Giorno numero due: tre gare tutte da vedere

Il Girone A quest’oggi alle 14:00 vivrà la seconda gara della prima giornata: l’Uruguay di Cavani e Suarez sfiderà l’Egitto del rientrante Salah per affiancare la Russia al primo posto e cercare di recuperare almeno parte della differenza reti accumulata dai padroni di casa. Sarà un Girone di fuoco e l’Uruguay, favorita iniziale alla prima posizione, dovrà lottare con le unghie e con i denti fin dal primo momento.

Girone B: il primo Big match e lo scontro per diventare outsider

Se l’Iran è da considerare la squadra di coda di questo Girone, lo stesso non si può dire del Marocco: la prima gara che andrà in scena alle 17:00 darà la possibilità alla nazionale di Ziyech di trovarsi in testa al girone prima che la gara tra Spagna e Portogallo venga giocata. Qualora una delle due uscisse sconfitta avrebbe l’obbligo di vincere entrambe le partite rimaste per qualificarsi e il Marocco potrebbe approfittarne. Alle ore 20:00 però, tutti incollati al televisore: Sergio Ramos affronta Ronaldo, la Spagna scende in campo contro i campioni d’Europa in carica, due delle favorite si scontrano e lo spettacolo sarà assicurato. Dopo l’esonero di Lopetegui (“E’ stato il giorno più triste dopo la morte di mia madre – ha detto durante la presentazione al fianco di Florentino Perez parlando dell’esonero – ma oggi è il giorno più felice della mia vita“) la Spagna dovrà compattarsi per trovare con Hierro le motivazioni giuste per affrontare il Mondiale come una delle favorite principali alla vittoria del trofeo. Verso Sochi saranno puntati gli occhi di tutto il mondo, per una gara che si preannuncia spettacolare.

Probabili formazioni Spagna – Portogallo

Spagna: 4-3-3
De Gea; Odriozola, Sergio Ramos, Pique, Jordi Alba; Tiago Alcantara, Koke, Iniesta; Isco, Diego Costa, David Silva
All. Hierro

Portogallo: 4-4-2 
Rui Patricio; Soares, Pepe, Bruno Alves, Guerreiro; Bernardo Silva, Joao Moutnho, Danilo Pereira, Joao Mario; Cristiano Ronaldo, André Silva.
All. Santos

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi