Conclusa la vendita dell’ospedale più alto d’Europa

Conclusa la vendita dell’ospedale più alto d’Europa

0

ospedale-324x243 Conclusa la vendita dell'ospedale più alto d'Europa Salute   E’ finalmente realtà: l’ospedale più alto d’Europa sorgerà nell’ex area Expo.
Nella mattina di martedì 12 giugno è stato concluso l’acquisto del terreno di 50.000 mq, nelle vicinanze di Cascina Triulza, su cui sorgerà il nuovo ospedale Galeazzi.
Le firme per il rogito sono state apposte da Marco Rotelli per il Galeazzi e da Giuseppe Bonomi per Arexpo. Si tratta della prima operazione di vendita all’interno dell’area che ha ospitato l’Esposizione Universale 2015, recentemente rinominata Mind (Milano Innovation District).
L’operazione si è conclusa al costo di 25 milioni di euro. L’avvio del cantiere è previsto entro l’estate.

Pubblicità

Il progetto del nuovo ospedale riunirà in un’unica struttura l’IRCCS Galeazzi e l’Istituto Clinico Sant’Ambrogio che a oggi ha sede in via Faravelli. Inoltre questo nuovo edificio si svilupperà verticalmente: sono infatti previsti 16 i piani, per una superficie complessiva di 150.000 mq.

Diagnostica, pronto soccorso e accoglienza

Al piano terra si svilupperà il Pronto Soccorso, i principali servizi per la diagnostica e per l’accoglienza dei pazienti e accompagnatori, con un’attenzione particolare per i pazienti con disabilità e bisogni specifici.
Più sopra ci saranno invece i laboratori, gli ambulatori, le sale operatorie, e la terapia intensiva. Invece, dal nono al quattordicesimo piano si estenderanno 388 stanze biposto, ognuna con bagno privato. La struttura ospedaliera sarà in grado di ospitare circa 7.500 persone al giorno con 140 ambulatori e 35 sale operatorie. Inoltre 10.000 metri quadrati saranno tutti dedicati alla ricerca, e un intero piano sarà dedicato ai pazienti stranieri, puntando sul cosiddetto “turismo sanitario”.

 

Elena Capilupi
Studentessa calabrese di Mediazione Linguistica e Culturale della Statale di Milano. Aspirante giornalista e appassionata di arte, cinema e musica. Sempre alla ricerca di nuove esperienze e nuovi modi di vedere il mondo.

Nessun commento

Rispondi