img_5729-324x172 Milan svolta Li: trovato il socio di minoranza, sarà presentato al CdA di venerdì? Calcio Prima Pagina Sport   Milano-Finalmente una buona notizia: i quotidiani in edicola stamane riportano che Yonghong Li, attuale presidente del Milan, è riuscito nell’impresa di trovare un socio di minoranza che lo affianchi (per poi prendersi tutto il Club) in questo momento complicato.

Un po’ di pace?

Pubblicità

Nel blitz milanese di qualche settimana fa Yonghong è evidentemente riuscito a fa fronte alle impellenze che il club rossonero deve affrontare in questo mese di giugno: è la Gazzetta dello Sport a riportare tali indiscrezioni secondo le quali il nome del socio di minoranza, né italiano né cinese, sarebbe così forte da portare beneficio ai rossoneri anche in sede di eventuale ricorso, qualora l’uefa da Nyon decidesse per l’esclusione dall’Europa League. Denaro fresco, dunque, che porterebbe al Milan la possibilità di svincolarsi da Elliott (una volta coperto il debito di Li sarebbe più facile rifinanziare i 123 milioni legati al club) e lanciarsi sul mercato con la speranza di chi ha trovato un nuovo compagno d’armi: il TAS di Losanna, dopo la sentenza Uefa che si preannuncia negativa, sarà lo step che il Milan indica come decisivo per la prossima partecipazione all’Europa League. Venerdì ci sarà il CdA per ratificare l’aumento di capitale richiesto e in quell’occasione dovrebbe essere svelata l’identità del nuovo socio. Non si sa ancora con quale quota azionaria entrerà, ma siamo sulla soglia di una svolta storica in casa Milan, e questo non può che essere accolto con felicità.

Parola di Mirabelli e Fassone

Entrambi intervistati a latitudini diverse, l’Amministratore Delegato e il Direttore Sportivo rossonero hanno parlato di Stadio, Mercato e obbiettivi futuri con una sola parola in testa: Champions League.
Almeno la Champions il prossimo anno – dichiara Fassone – dovremo essere bravi perché il Gap con la Juventus è altissimo ma dovremo far di tutto per arrivare in Champions League. Il nuovo stadio? Ci stiamo ragionando, non vogliamo prendere la decisione sbagliata perché lasciare San Siro comporta una scelta importante dal punto di vista storico e non vogliamo sbagliare. Ne discuteremo anche con l’Inter che da tempo ha le idee più chiare.” Prima lo stadio e, pronto per il viaggio in Russia, il mercato secondo Mirabelli: “Abbiamo il dovere di rientrare in Champions League, e per farlo serviranno giocatori nuovi – la nuova liquidità ha rinvigorito le dichiarazioni del DS rossonero – Andrè Silva per Falcao? Improbabile, Andrè è molto giovane, Falcao quasi a fine carriera.

Alvaro Morata e il sindaco Sala

L’obbiettivo principale per l’attacco resta dunque Alvaro Morata; lo spagnolo, cercato anche la scorsa estate, è stato più volte accostato ai rossoneri in questa estate travagliata e, vista la carenza nella scorsa stagione, l’investimento più grande sarà fatto sul centravanti. Le offerte per i gioielli rossoneri fioccano secondo le parole di Mirabelli, ma il Milan non ha alcuna intenzione di lasciarli andare: “L’obbiettivo è trattenere tutti i nostri giocatori, Donnarumma? E’ un bene che ci sia silenzio intorno a lui, ha bisogno di tranquillità.” Di Milan ha poi parlato anche il sindaco di Milano Sala, che da interista ha ribadito come il Milan sia un’istituzione per il calcio Europeo e Mondiale e che per questo l’Uefa dovrà tener conto non solo della sua storia, ma anche dell’importanza della sua tifoseria. Prime prese di posizione a sei giorni dal verdetto di Nyon, a cui si guarda con più speranza dopo il presunto arrivo del socio di minoranza.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi