Alla scoperta del Girone B: tutto facile per Spagna e Portogallo?

Alla scoperta del Girone B: tutto facile per Spagna e Portogallo?

img_5709-324x146 Alla scoperta del Girone B: tutto facile per Spagna e Portogallo? Calcio Prima Pagina Sport   Milano-Sembrerebbe tutto facile per la Roja e per i freschi campioni d’Europa nel Girone B del Mondiale di Russia: Marocco e Iran saranno semplici comparse o impensieriranno i campioni della penisola iberica?

Spagna: la grande favorita

Dopo le vittorie del Mondiale 2010 e degli Europei 2008 e 2012 la Spagna sembrava in caduta libera, tant’è che l’eliminazione al primo turno del Mondiale Brasiliano aveva fatto spegnere gli entusiasmi intorno alla Roja. L’arrivo di Lopetegui però ha rivoluzionato il mondo spagnolo, anche grazie all’avvento di nuovi talenti come Isco, Asensio e Morata (assente dai convocati), tutti made in Real Madrid. Il ricambio generazionale ha fornito agli inventori del tiki-taka nuove frecce per il proprio arco, tutte in grado di fare la differenza. La maturità raggiunta da Tiago Alcantara, Isco e Asensio, unita all’esperienza di Iniesta, Busquets, Sergio Ramos e Pique rendono la Spagna una delle favorite alla vittoria finale, anche in virtù della grande vittoria ottenuta contro l’Argentina per 6-1 in una delle amichevoli pre Mondiale. Nel girone è indicata come favorita, nonostante la sfida della prima giornata con Cristiano Ronaldo e soci sia di fondamentale importanza per determinare le gerarchie del girone B.

Portogallo: Cristiano Ronaldo ma non solo

Sembrerebbe facile, dopo la vittoria dell’Europeo, indicare il Portogallo come una delle pretendenti alla vittoria finale, soprattutto in virtù della presenza nell’undici titolare del giocatore più decisivo del Mondo. Cristiano Ronaldo ha appena vinto la sua quinta Champions League e aperto un caso di mercato che ci accompagnerà per tutta l’estate pallonara, ma i suoi occhi sono tutti rivolti allo stadio Luzniki di Mosca, teatro della finale del 15 luglio. Prima di poter scendere in campo nel palcoscenico più importante del mondo però, dovrà superare la Spagna all’esordio mondiale di venerdì 15 e fare il proprio dovere contro Marocco e Iran, sfavorite sulla carta ma problematiche sul campo. Infine, l’esperienza di elementi come Rui Patricio e dello stesso CR7, faranno da chioccia a potenziali campioni del calibro di Andrè Silva, autore di una stagione sottotono al Milan, e Gonçalo Guedes, attaccante del Valencia protagonista nella Liga. La gara inaugurale determinerà la classifica che, in caso di vittoria del Marocco contro l’Iran, potrebbe indicare il Portogallo come provvisoriamente fuori dal Mondiale: importante per Cristiano e compagni tenere botta contro una Spagna che sembra una corazzata.

Il Marocco fa paura?

Ziyech, Benatia, Belhanda, Amrabat e Boussoufa. Bastano questi cinque nomi per indicare nel Marocco una squadra offensiva (si schiera con il 4-1-4-1 con quattro trequartisti) che nel 2018 ha collezionato quattro vittorie e un pareggio nelle cinque amichevoli disputate, e che si candida a disturbare le due grandi potenze del Girone B. Miglior piazzamento dei Leoni dell’Atlante è quell’ottavo di finale raggiunto al mondiale di Messico ’86, da allora solo altri due mondiali (’94 e ’98) prima di questo, dove si candida a possibile sorpresa.

L’Iran di Azmoun e di Quieroz

Il 25 giugno il conflitto di interessi sarà enorme: il Portogallo affronterà l’Iran, allenato da Quieroz, allenatore nato a Nampula in Mozambico ma Portoghese di origini, in una partita che potrebbe decidere il destino di Ronaldo e compagni nel gruppo B di qualificazione agli ottavi di finale. Il 4-2-3-1 con cui l’Iran si schiera è costituito tutto a supporto dell’unica punta Azmoun, autore di 23 goal in 32 presenze in Nazionale maggiore e di ben 30 goal in 29 presenze con le nazionali giovanili. Il classe ’95 milita nel Rubin Kazan e chissà che dopo un mondiale giocato da underdog possa approdare a lidi più prestigiosi. Cinque le partecipazioni ai Mondiali dell’Iran, di cui quest’ultima conquistata nello stadio di Azadi (della Libertà) che arriva ad ospitare fino a 120.000 spettatori. Il girone B si preannuncia un mattatoio per la squadra di Quieroz, soprattutto nelle gare contro Spagna e Portogallo, ma è vietato sottovalutare una squadra che nella sua storia è stata capace di portarsi a casa tre coppe d’Asia consecutive dal ’68 al ’76.

Il calendario

Gara inaugurale del Girone sarà Marocco – Iran, nel pomeriggio di venerdì 15 giugno, antipasto della mega sfida serale tra Spagna e Portogallo. Da venerdì si inizierà a fare sul serio e CR7 è pronto ad affrontare Sergio Ramos.

15/06 Marocco – Iran
15/06 Spagna – Portogallo

20/06 Portogallo – Marocco
20/06 Iran – Spagna

25/06 Spagna – Marocco
25/06 Iran – Portogallo

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

Nessun commento

Rispondi