img_5673-324x321 - Il ritorno del Re: il Brasile di Neymar punta al sesto titolo mondiale  - Calcio Prima Pagina Sport Milano-Mancano tre giorni all’inizio del Mondiale e presentiamo la candidata numero uno alla vittoria finale: il Brasile di Neymar, Coutinho e Alisson è pronto a prendersi la scena in Russia, sessant’anni dopo il primo e unico mondiale vinto in Europa.

Neymar, le amichevoli e un 2018 da sogno

Il Brasile ha ritrovato Neymar, il suo numero dieci che con i goal rifilati a Croazia e Austria (uno più bello dell’altro) ha raggiunto Romario nella classifica all-time dei marcatori verdeoro con 55 goal in 84 presenze. Ronaldo (62) e Pelè (77) sono i prossimi obbiettivi personali, uniti per forza di cose all’obbiettivo principe della carriera del numero 10: il Mondiale con la maglia della Seleçao. Le notizie, in questo 11 di giugno, non potrebbero essere più confortanti per Tite e per il Brasile: recuperato Neymar dopo l’infortunio di febbraio, la squadra verdeoro non ha ancora subito goal nel 2018. Quattro le uscite in amichevole in preparazione del Mondiale terminate tutte con il clean sheet da parte del portiere della Roma Alisson: vittoria per 3-0 contro la Russia, vittoria per 1-0 contro la Germania, e due vittorie prima del volo in Russia contro Croazia (2-0) e Austria (3-0). Nelle ultime due Neymar è tornato a segnare con la sua controparte al Barcellona Coutinho che ha incantato con goal e assist d’autore.

Solidità e attacco stellare

Nelle qualificazioni il Brasile ha evidenziato questo nuovo tratto che da anni non era presente nella Seleçao: una difesa impermeabile che, in 18 partite ha subito solamente 11 goal trovando un assetto base con Thiago Silva nuovamente tra i titolari e Miranda a completare la coppia difensiva di esperienza e qualità. Davanti, con 41 goal in 18 partite, il Brasile è tornato a fare davvero paura: Neymar, Gabriel Jesus, Willian, Coutinho, Firmino e Douglas Costa sono stati inseriti in un meccanismo equilibrato che punta deciso verso la vittoria del sesto titolo di campioni del Mondo. La Seleçao è tornata, e testimone ne è anche lo spot, girato con la Nike, che ricalca le gesta della nazionale pronta all’aeroporto di Rio prima di partire per il mondiale 1998.

Curiosità

La Nazionale Brasiliana è l’unica ad aver partecipato a tutte le 20 edizioni del campionato del Mondo precedenti a questa, portandosi a casa ben 5 coppe e meritando l’appellativo di Pentacampioni. Dani Alves, laterale destro e leader tecnico ed emotivo di questo Brasile rinato sotto la gestione Tite, ha subito un grave infortunio nel corso dell’ultima gara stagionale del Psg e non potrà far parte della spedizione russa della sua nazionale. Neymar è il terzo miglior marcatore nella storia della nazionale Pentacampione con 55 goal segnati in sole 84 partite, insieme a Romario (55 goal in 70 gare). Davanti a lui solo mostri sacri come Ronaldo (62 in 98) e, ovviamente, Pelè (77 goal in 92 gare). Infortunatosi prima della semifinale naufragio del Maracanà 2014, Neymar vuole a tutti i costi riprendersi la numero dieci del Brasile e puntare a vincere quel Mondiale che sembra essere scritto nel suo destino.

Il calendario del Brasile:

  • Domenica 17 giugno, ore 20:00 Brasile – Svizzera (Rostov)
  • Venerdì 22 giugno, ore 14:00 Brasile – Costa Rica (San Pietroburgo)
  • Mercoledì 27 giugno, ore 20:00 Serbia – Brasile (Mosca)

Il Girone E

Con Svizzera, Costa Rica e Serbia il Brasile sembra essere la squadra favorita per qualificarsi come prima nel Girone E del Mondiale di Russia. I valori, soprattutto rispetto alla Costa Rica, sono fortemente sbilanciati, mentre la Svizzera e la Serbia potrebbero rappresentare due insidie non calcolate in casa verdeoro. La Serbia, con Milinkovic Savic tra gli altri, è cresciuta molto nell’ultimo quadriennio posizionandosi prima nel girone D relativo alle qualificazioni Uefa per il Mondiale superando squadre più importanti come Galles e Austria. Per quanto riguarda la Svizzera invece, seconda a pari punti con il Portogallo nel Gruppo B di qualificazione, ha raggiunto i Mondiali grazie alla vittoria di misura (con goal di Rodriguez) sull’Irlanda del Nord. Difficile pensare ad un Brasile eliminato ai gironi o lontano dalla prima posizione, soprattutto in virtù della ritrovata solidità difensiva (solo 11 i goal subiti nelle qualificazioni). Puntiamo forte dunque su una squadra completa che, nonostante l’infortunio patito a febbraio, annovera tra le sue fila uno dei calciatori più forti del momento.

Gli avversari negli ottavi

Qualora il Brasile si qualifichi da primo del proprio girone l’avversario da affrontare a Samara il 2 luglio (ore 16:00) uscirebbe dal girone F, dove Germania, Messico, Svezia e Corea del Sud si daranno battaglia. Il secondo classificato affronterà il primo del girone E. In caso di secondo posto invece, appuntamento al 3 luglio alle ore 20:00 per la gara contro la prima classificata del Girone F. Il rischio di un Brasile – Germania agli ottavi c’è, chissà che non sia l’occasione per ottenere una rivincita dal Maracanazo del 2014.

Stay Zoom

Simone Mannarino
Laureando alla statale di Milano e aspirante giornalista ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in quest'estate mondiale dove con Zoom vi racconteremo il percorso della Seleçao, del Belgio e dell'Argentina di Leo Messi.

Nessun commento

Rispondi