Paura e violenza a Giambellino. 30 poliziotti e 200 rom

Paura e violenza a Giambellino. 30 poliziotti e 200 rom

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pubblicità

La Polizia di Stato è intervenuta oggi, intorno alle ore 12.10, in via Emanuele Odazio per sedare una forte lite scoppiata tra fazioni rivali di Rom, circa 200 persone, e conclusasi con numerosi arresti. Sul posto erano presenti tre volanti, due camionette e una trentina di agenti. Sono in fase di accertamento le cause che hanno portato alla faida tra le famiglie ma il parco che ospita la biblioteca Lorenteggio ha vissuto attimi di terrore. La signora Maria Palomares, presidente del comitato No Racket No Abusivismo e residente della zona, dopo aver sentito il rumore di due spari seguiti da urla e pianti  di bambini, ha avvertito immediatamente le forze dell’ordine che tempestivamente hanno cercato di ristabilire la calma. La stessa Palomares denuncia da ormai molti anni il degrado e la violenza in cui il quartiere ormai indugia ma senza ricevere alcuna risposta da parte dalle istituzioni. Accoltellamenti, rapine e sparatorie non sono casi nuovi a Odazio-Lorenteggio e l’episodio di oggi è solo l’ultimo di una lunga serie di brutalità.

La risposta delle forze dell’ordine

Dal commissariato di Lorenteggio e dall’UPGSP della questura di via Fatebenefratelli hanno poi fatto sapere di aver arrestato un uomo di nazionalità romena e accompagnato in questura 9 persone. E’ in corso una battuta nei campi rom per la ricerca degli altri responsabili e stanno procedendo a sentire i testimoni. Il Questore di Milano, Marcello Cardona, ha inviato alcune righe in cui annuncia di aver predisposto ulteriori accertamenti da parte della Divisione Anticrimine per emettere i Fogli di via Obbligatori e gli Avvisi orali a carico dei responsabili.

Angelo Anzalone
Angelo Anzalone (1989). É nato a Canicattì (AG) ma è da sempre cresciuto a San Cataldo, un piccolo paese in provincia di Caltanissetta. Dopo una prima formazione liceale scientifica matura la necessità di approfondire gli studi umanistici iscrivendosi alla Facoltà di Lettere e Filosofie dell’università di Catania. Durante un laboratorio di fotografia sperimentale incontra la fotografia e decide di impegnarsi nella ricerca fotografica come documentazione autoriale. Alla fine del suo percorso accademico dedica la sua tesi di laurea alla filosofia della fotografia. In quella occasione conosce Nino Migliori e Letizia Battaglia. Attualmente studia e lavora come assistente-tutor presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano e collabora con la rivista online Zoom.

Nessun commento

Rispondi