CityLife ex fiera di Milano e la Milano che cambia

CityLife ex fiera di Milano e la Milano che cambia

Torre-lo-storto-CityLife-1-322x483 CityLife ex fiera di Milano e la Milano che cambia Costume e Società Cultura
Foto di Gianluca Preti

C’era una volta il quartiere fieristico di Milano. Quello della fiera campionaria ora diventata CItyLife, dove tantissimi milanesi andavano per vedere il progresso tecnologico e industriale in presa diretta. La fiera Campionaria è stata per lungo tempo il punto di riferimento per chi per lavoro o per curiosità vi partecipava. Intorno all’anno 2000 è poi diventata obsoleta. Questo è avvenuto sia a causa del nuovo polo fieristico di Rho, sia perché è cambiato il modo di informarsi e di informare riguardo l’innovazione.

Diversi progetti per la riqualificazione dell’area

Pubblicità

Un’area così centrale, servita prima da una, poi da ben due linee della metropolitana, necessitava di un progetto di riqualificazione e di rilancio dell’intera zona. Tra i vari progetti venne approvato quello che prevedeva tre torri. Il Dritto, il Curvo e lo Storto, oltre a due differenti quartieri abitativi. Un centro commerciale innovativo nella sua forma un ampio parco e una piazza comletano l”opera.

Milano sempre più alta, più moderna e bella

il-dritto-CIty-Life CityLife ex fiera di Milano e la Milano che cambia Costume e Società Cultura
Foto di Gianluca Preti

Con il Dritto, progettato dal famoso architetto giapponese Isozaki l’area City-Life diventa quella che ospita uno dei più alti grattacieli di Milano. I suoi 50 piani distribuiti su 209 metri infatti superano qualsiasi altra torre. Ma c’è da dire che il grattacielo di Porta Nuova, Unicredit tower, viene considerato il più alto d’Italia. Questo, a causa dello spire (punta) che raggiunge i 241 metri pur avendo solo 31 piani. In ogni caso, Milano è comunque la città con più grattacieli in Italia, con 16 torri presenti sul territorio e 2 in fase di costruzione per un totale di 18 grattacieli.

Non solo grattacieli

Metro-Lilla CityLife ex fiera di Milano e la Milano che cambia Costume e Società Cultura
Foto di Gianluca Preti

Anche se l’aspetto più spettacolare della crescita di Milano la si deve ai grattacieli che svettano su tutti gli altri edifici, non è da considerare di seconda importanza quella che è una vera e propria novità do CityLife per Milano. La metropolitana Lilla, ovvero la linea 5 che passa proprio sotto piazza tre torri, infatti, è a guida automatica. Non necessita ne di conducenti ne di personale a bordo, dato che tutte le operazioni sono gestite in remoto da delle centrali di controllo che fanno partire i treni, li fanno fermare alle stazioni e aprono e chiudono le porte.La linea metropolitana unisce il polo studentesco dell’Università degli Studi della Bicocca, allo stadio di San Siro passando per Porta Nuova-Garibaldi e appunto, piazza Tre Torri, toccando punti della città importanti, come la fermata in coincidenza con la linea rossa a piazzale Lotto, la fermata Portello, nei pressi del Mi.Co, il centro conferenze tra i più importanti della città meneghina.

drago-verde-elefante CityLife ex fiera di Milano e la Milano che cambia Costume e Società Cultura
Foto di Gianluca Preti

Un museo d’arte moderna a cielo aperto

Molto interessante è anche quello che possiamo definire un museo all’aperto, con numerose e interessantissime opere d’arte moderna tra cui una piacevolissima rivisitazione delle notissime fontane milanesi che vengono soprannominate “vedovella” o “drago verde”. Esse prendono il nome Drago verde proprio dal drago in ottone che è al posto del rubinetto da cui l’acqua scorre dalle fontanelle senza mai interrompersi, un po’ come il pianto di una vedova. Questi rubinetti sono stati però sostituiti, nelle fontanelle della piazza Tre Torri con forme diverse. Oltre alle fontanelle, altre opere molto interessanti possono essere letteralmente scoperte man mano che si percorre il parco. Una tra le più suggestive è “Il cielo di Belloveso” ovvero una raffigurazione del cielo come poteva essere visto nel 600 A.C. quando Belloveso, principe  di una tribù celtica fondò la città di Milano. Interessante anche l’installazione di un gigantesco piede e di una mano, fatte di mattoni, che rendono curiosa e piacevole la visita a di questa nuova piazza e relativo parco.

Joni Preti
Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

Nessun commento

Rispondi