Mondiali in Russia e ZoomMilano: voliamo in Russia a seguire la competizione...

Mondiali in Russia e ZoomMilano: voliamo in Russia a seguire la competizione più importante del pianeta

mondiali-russia-logo-324x166 Mondiali in Russia e ZoomMilano: voliamo in Russia a seguire la competizione più importante del pianeta Calcio Prima Pagina Sport   Milano-Dopo un anno o quasi di lavoro sullo sport, ZoomMilano arriva all’appuntamento dei Mondiali di calcio con un dovere: inserirsi nella corsa alle notizie cercando di portare novità e articoli speciali relativi alla competizione più importante della storia del calcio. Sappiamo che sarà complicato, ma rinunciare a raccontare i Mondiali significherebbe abbattere completamente il lavoro fatto fino a questo momento. Eccoci dunque a presentare il Mondiale in Russia come l’avvenimento che, dopo l’ennesima vittoria Blanca in Champions League e gli affanni di Milan e Inter in stagione, rappresenta l’apoteosi del calcio mondiale.

I Gironi e gli Stadi di Russia 2018

GIRONE A GIRONE B GIRONE C GIRONE D
Russia Portogallo Francia Argentina
Arabia Saudita Spagna Australia Islanda
Egitto Marocco Perù Croazia
Uruguay Iran Danimarca Nigeria

 

GIRONE E GIRONE F GIRONE G GIRONE H
Brasile Germania Belgio Polonia
Svizzera Messico Panama Senegal
Costa Rica Svezia Tunisia Colombia
Serbia Corea del Sud Inghilterra Giappone

 

Pubblicità

I giorni, 8 per un totale di 32 squadre, compongono la 21esima edizione dei Mondiali di Calcio che avrà inizio il 14 giugno 2018 alle 17:00 con la gara tra Russia e Arabia Saudita, prima gara del Girone A, dove i padroni di casa sono inseriti come teste di serie. Le altre teste di serie, in base al Ranking Fifa aggiornato al 16 ottobre 2017 sono Portogallo, Francia, Argentina, Brasile, Germania, Belgio e Polonia. A queste si aggiungono i criteri di sorteggio che il 1° dicembre 2017 hanno dato vita ai giorni sopradescritti. Non ci sono più criteri geografici nella composizione delle fasce, ma vi è la limitazione di massimo due squadre europee per girone, in quanto l’Europa è il continente maggiormente rappresentato con ben 14 squadre su 32 partecipanti.

I teatri delle sfide più emozionanti del pianeta saranno 12 stadi in 11 città (Mosca ne avrà due): i lavori sono stati un vero e proprio dilemma, come per l’edizione in Sudafrica i problemi durante la costruzione sono stati molteplici ma a meno di venti giorni dall’inizio della manifestazione è finalmente tutto pronto. Tra gli altri, la Zenit Arena di San Pietroburgo e lo Stadio Luzniki, teatro della finale con capienza di 81.000 spettatori.

Il Calendario

Il Mondiale avrà inizio il 14 giugno alle 17:00 con la gara inaugurale tra Russia e Arabia Saudita, nello stadio che ospiterà la finale per aprire la manifestazione che si preannuncia come un vero e proprio spettacolo calcistico. Le partite dei gironi avranno luogo dal 14 al 28 giugno, al termine dei quali si definiranno gli accoppiamenti per gli ottavi di finale. Questi ultimi si giocheranno tra il 30 giugno e il 3 di luglio, per poi lasciare spazio ai quarti di finale del 6 e 7 luglio. Per raggiungere la finale del 15 luglio infine, le due semifinali si giocheranno il 10 e l’11 luglio, con finale terzo – quarto posto il 14 luglio a San Pietroburgo.

Le grandi escluse

Chi è rimasto fuori dal Mondiale milionario di Russia? Oltre all’Italia, anche Olanda, Cile, Camerun e Usa, rispettivamente tre volte finalista, detentrice Coppa America, detentrice Coppa d’Africa e detentrice Gold Cup, hanno dovuto salutare il Mondiale prima ancora di essere atterrati in Russia. Scarsa programmazione? Sfortuna? Debolezza? I problemi per queste nazionali possono essere davvero tanti, a partire dalla mancanza di talento, problema che negli ultimi anni ha attanagliato soprattutto Italia e Olanda. Il Cile e il Camerun sono vittime del declino progressivo di una generazione non adeguatamente sostituita, mentre gli Usa sono sull’orlo di una rivoluzione che non ha ancora dato i suoi frutti. Tra le altre escluse, anche la Turchia di Calhangolu e Arda Turan, la Costa d’Avorio, il Ghana e la Grecia. Tornano dopo 36 e 28 anni ai Mondiali il Perù di Guerrero (forse la squalifica per cocaina verrà sospesa) e l’Egitto di Salah, giocatore dell’anno in Premier League e finalista sfortunato di Champions con il Liverpool di Klopp.

Stay Zoom

Senza pretesa di esaustività vi racconteremo il Mondiale seguendo i vari gironi sopra descritti e le squadre che, per la nostra redazione, potrebbero ambire alla vittoria finale. Per chi volesse uno sguardo nuovo e diverso sul Mondiale, con approfondimenti di mercato e curiosità non avrà altro da fare che seguire le gare con un occhio fisso su Zoom in missione mondiale.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi