Sicurezza stradale: quanto è pericolosa Milano?

Sicurezza stradale: quanto è pericolosa Milano?

DSCN1320 Sicurezza stradale: quanto è pericolosa Milano? Costume e Società Cronaca Milano
Foto di Gianluca Preti

In tema di sicurezza stradale, a Milano, c’è ancora molto da fare.
Nella sola giornata di ieri due gravi incidenti particolarmente drammatici sono avvenuti a poca distanza uno dall’altro. Il primo si è verificato nella mattinata, in via Varesina, nei pressi di un asilo nido. Coinvolti nell’incidente una moto di grossa cilindrata, ed un bambino che stava attraversando con la madre, sulle strisce pedonali. Da una prima ricostruzione pare che un’auto si sia fermata per far passare sulle strisce la madre con i due propri figli, come è d’obbligo fare secondo il codice stradale, quando la moto, una Harley Davidson, ha sorpassato l’auto ferma, investendo il bambino, che con la madre, si stava proprio in quel momento recando all’asilo nido.  Date le gravi condizioni in cui versava la vittima dell’investimento, e stato immediatamente trasportato all’ospedale di Niguarda.

Il secondo incidente

Pubblicità

Il secondo incidente si è verificato in tarda serata, all’incrocio tra via
Mac Mahon e viale Monte Ceneri. coinvolte nell’incidente un’auto medica e un altro veicolo. Anche se in questo caso le tre persone che risultano coinvolte nell’incidente non hanno subito particolari danni, il fatto che sia avvenuto in una zona dove si verificano numerosi incidenti anche gravi, dovrebbe far scattare un campanello d’allarme per chi controlla il traffico cittadino.

Ma non è tutto

Solo il giorno prima infatti un’altro incidente, in via Legioni Romane aveva avuto conseguenze ben più gravi. Un veicolo elettrico di quelli a noleggio, è stato centrato da un suv mentre stava facendo manovra per parcheggiare. Al suo interno al posto del passeggero, c’era Paulina Calahorrano, nota star della canzone latinoamericana. Nello schianto la donna ha perso la vita, mentre il conducente dell’auto elettrica su cui Paulina era a bordo e il conducente dell’altro veicolo coinvolto sono stati ricoverati per accertamenti non avendo riportato ferite tali da destare preoccupazione.

Ma quanto è pericolosa Milano?

Sia che siamo pedoni, ciclisti o automobilisti, sappiamo benissimo quanto sono pericolose le strade di Milano. In particolare come descritto ad esempio nell’articolo qui menzionato http://zoommilano.it/2017/11/10/grave-incidente-viale-monteceneri/ e come è evidente da questi video,

Viale Monteceneri forse a causa della sua particolare conformazione e posizione, è spesso soggetta a numerosi incidenti, probabilmente anche a causa del mancato rispetto del codice stradale, come possiamo vedere in questo video dove un’auto percorre  pericolosamente un marciapiedi per evitare le auto ferme al semaforo.

Di chi è la colpa?

Oltre alla scarsissima disciplina di automobilisti e, dispiace dirlo, di ciclisti e persino pedoni, che passano spesso con il semaforo rosso non rispettando per nulla una delle regole più semplici e importanti del codice stradale, dobbiamo però segnalare un problema molto serio che potrebbe essere risolto facilmente e in pochissimo tempo. Molti semafori, non permettono l’attraversamento totale di una strada a causa dei tempi che intercorrono tra il verde, il giallo e il rosso. Questo problema è evidente in questo video, girato sempre all’incrocio tra via Mac Mahon e viale Monte Ceneri, incrocio usato anche da ragazzi e bambini delle vicinissime scuole nido, elementari, medie, e superiori.

Forse, l’uso più diffuso di semafori con contatore di secondi per il verde e per il giallo come quello che si vede nel video, potrebbero essere utili per dare un maggior aiuto soprattutto ai pedoni di una certa età, costretti a correre affannosamente quando al semaforo scatta il giallo o il rosso.

Cosa si può fare?

Oltre all’introduzione di semafori con contatore della durata del verde e del giallo, sarebbe utile l’installazione di un maggior numero di telecamere che controllano il traffico, in quanto, specie nelle ore notturne, capita spesso di vedere vere e proprie gare motociclistiche e automobilistiche nelle strade della nostra città, ma anche una maggiore presenza di vigili sulle strade, specie le più pericolose, potrebbe far diminuire notevolmente il rischio che certi drammatici eventi si possano ripetere.

Joni Preti
Appassionato di tutto quello che riguarda Milano, il suo passato, il suo presente e il suo futuro, amo tanto gli antichissimi siti e reperti archeologici, quanto i grattacieli e le nuove infrastrutture. Scrivo articoli e realizzo video sul mio canale youtube, anche in dialetto Milanese. https://www.facebook.com/jonivideomaker/

Nessun commento

Rispondi