img_5384-324x316 Milan: Bacca e Pato di ritorno? Intanto oggi tiene banco il CDA della società Calcio Prima Pagina Sport   Milano-Oggi, 25 maggio 2018, si riunisce il Consiglio di Amministrazione della società rossonera. I soci del Milan chiederanno un ulteriore aumento di capitale a Yonghong Li, quasi a testare la sua volontà di continuare a investire nella società.

Oltre i 40 milioni

Pubblicità

Il Cda di oggi dicevamo, chiederà innanzitutto spiegazioni su quanto successo a Nyon. Gli azionisti, proprio come i tifosi, non ritengono giusta la decisione dell’Uefa e non si escludono discussioni riguardo questa situazione. Con Elliot e il suo patrimonio personale di 2,9 miliardi di dollari sullo sfondo, Yonghong Li dovrà dar fondo alle proprie risorse per trovare gli ultimi 22,96 milioni di aumento di capitale che, uniti ai già versati 19,8 faranno lievitare la cifra ben oltre i 37,4 previsti inizialmente come ultimo aumento di capitale della stagione corrente. C’è aria di sfiducia dalle parti di Via Aldo Rossi e Yonghong ha bisogno di una mossa convincente per allontanare i fantasmi di Elliot e dirigersi verso Nyon (incontro previsto il 7 giugno tra Fassone e la Commissione Uefa per l’ultimo tentativo in merito alle competizioni europee) a passi spediti.

Il mercato?

Il problema più grande è che nel corso delle ultime due settimane si era parlato tanto di mercato, e questa sanzione dell’Uefa ha un po’ bloccato tutta la situazione in merito sopratutto all’attaccante. Immobile e Zaza restano i preferiti, con il laziale che verrebbe anche senza coppe a Milano in virtù di un ingaggio triplicato, ma le sanzioni Uefa potrebbero parlare di limitazioni economiche alle spese rossonere e trattare con Lotito, come noto, non è mai semplice. Zaza, dal canto suo, avrebbe un costo molto più basso (appena riscattato dal Valencia per 16 milioni) e lo stesso procuratore di Morata, che lo scorso anno ha già lavorato col Milan.

Bacca is back?

Aspettando le sanzioni Uefa e le manovre sul centravanti “importante importante” di cui ha parlato Mirabelli, il Milan si guarda in casa: Bacca è prossimo al rientro dal prestito al Villareal dove ha segnato 18 goal in stagione e dove vorrebbe rimanere. Il colombiano ha però un ingaggio molto alto e il sottomarino giallo non sembra intenzionato a spendere i 15,5 milioni previsti dal contratto per riscattarlo dai rossoneri.  Una carta in più da giocare sul mercato? Possibile, tenendo conto che Kalinic vorrebbe giocarsi le ultime carte in rossonero convincendo Gattuso a tenerlo un altro anno e che Andrè Silva, contatti già avviati col Wolverhampton per lui, vuole andare a giocare dove lo spazio per giocare da titolare sia molto più ampio che al Milan. In tutto questo l’unica certezza si chiama Patrick Cutrone: lo diciamo da novembre circa, il Milan deve rinnovargli il contratto e puntare forte sulla punta del proprio settore giovanile perché l’unico ad aver davvero dimostrato di valere la maglia rossonera nel corso di questa stagione.

Attaccanti di ritorno: Pato

“La proprietà è cinese, il calcio italiano mi piace, sono innamorato di Milano e del Milan, non potrei dire no. Se Gattuso mi chiamasse potrei suggerigli io un attaccante…”
Candidatura di alto profilo quella che Alexandre Pato lancia dalle colonne della Gazzetta dello Sport stamane. L’attaccante brasiliano attualmente in forza al Tianjin Quanjian di Paulo Sosa ha partecipato all’addio al calcio di Andrea Pirlo, lunedì sera a San Siro, segnando anche una doppietta. Ha parlato degli attaccanti rossoneri e del suo attaccamento alla maglia rossonera, tanto da lanciare una suggestione che sui social è stata subito raccolta da molti influencer rossoneri: l’Hastag  #RiprendiamoPato ha invaso il profilo di Massimiliano Mirabelli, attaccanti di ritorno, prima Bacca e poi Pato. In caso di blocco del mercato affidarsi a un cavallo di ritorno potrebbe in fondo non essere un errore.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del Giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale, collabora con NumeroDiez e ZoomMilano tra un viaggio e l'altro.

Nessun commento

Rispondi