La rassegna stampa in casa Milan: l’Uefa tiene banco

La rassegna stampa in casa Milan: l’Uefa tiene banco

img_4086-324x432 La rassegna stampa in casa Milan: l’Uefa tiene banco Calcio Prima Pagina Sport
Milano-Mercato, Uefa e scenari possibili nella rassegna stampa di casa Milan questa mattina.

La Gazzetta: Suso e Ancelotti

Pubblicità

L’ufficialità dell’approdo di Ancelotti al Napoli ha rinsaldato una volta di più la voglia di Napoli dell’esterno rossonero. La Gazzetta dello Sport riporta come la clausola da 38 milioni, accostata ai nomi di Benzema e Vidal, sia un’inezia per il mercato che il Napoli si sta preparando a compiere, trattenendo i big e incrementando il valore della rosa. Chi al Milan? A quel punto Callejón, esterno di fascia destra con clausola da 20 milioni, sarebbe la scelta più ovvia e più veloce, per sostituire Suso senza spendere cifre enormi.

La Gazzetta: cosa sta succedendo?

La notizia dell’Uefa ha fatto svegliare tutti i tifosi rossoneri con un senso di ansia e terrore che da tempo non si provava. La Gazzetta prova a fare chiarezza indicando in cinque punti fondamentali la situazione attuale: il problema della proprietà e della sua affidabilità, le sanzioni che rischia il Milan, i precedenti, le tempistiche e il ricorso in caso di esclusione dalle Coppe. La finale, in caso di esclusione dall’Europa League, si potrebbe giocare al Tas di Losanna, dove tre giudici imparziali lavorerebbero sul problema. Il Milan ha intanto creato una Task forcé composta da Fassone e da tre avvocati che il 7 giugno si presenteranno a Nyon per capire di più di questa situazione.

La Gazzetta: Umberto Lago si dice sconcertato

Il padre del Fair Play Finanziario, di cui abbiamo parlato diffusamente in occasione del rimando del Milan dal Voluntary al Settlement Agreement, sulle pagine della Gazzetta si dice incerto sul perché l’Uefa abbia preso questa decisione: “Il sistema del FFP è nato per dare possibilità diverse su club che vogliono tornare virtuosi di giungere all’obbiettivo. Il Milan e la sua nuova proprietà hanno investito qualcosa come 700 milioni, mi sembra paradossale che si punisca una società per gli scenari negativi che potrebbero prodursi successivamente. Elliot per altro, ha stilato una lettera in cui garantisce la continuità societaria ed è per questo che, anche con il rifinanziamento in stallo, mi sembra strano che non sia stato concesso un accordo che andava a vantaggio di tutti. Ci vuole equità, e che ogni caso venga valutato nella sua fattispecie, non si può indiscriminatamente punire a prescindere.”

Corriere dello sport e Il Giorno

Anche il Corriere dello Sport e il Giorno parlano delle sanzioni UEFA e, una volta analizzata la Task Forcé che il Milan ha composto, riportano il Tas di Losanna come ultima spiaggia per combattere la sanzione. Il milano dovrà fare tutto in fretta per arrivare alla metà di giugno con un verdetto positivo, così da programmare la stagione nel migliore dei modi.

Simone Mannarino
Dottore in Storia con specializzazione in storia del giornalismo alla statale di Milano e aspirante giornalista, ricerca un approccio diverso ai fatti e ai contesti in cui si sviluppano. Innamorato del calcio e dello sport in generale. Tifoso del Brasile in questi mondiali che Zoom ha raccontato fino alla vittoria finale della Francia. Immerso in nuovi progetti per la prossima stagione ora che i mondiali ci hanno salutato.

articoli sullo stesso argomento

Nessun commento

Rispondi